Tivoli, solidarietà alimentare: nuova distribuzione delle risorse per i buoni spesa

Continua la distribuzione dei buoni spesa a sostegno delle famiglie residenti nel territorio tiburtino che hanno maggiormente subìto gli effetti della crisi economica e sociale causata dall’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Le risorse economiche che il Governo e la Regione hanno riconosciuto in questa seconda fase al Comune di Tivoli per consentire alle persone in condizioni di bisogno di soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali, ammontano a 587.402 euro, delle quali 399mila provenienti dal dipartimento di Protezione civile e 187.404 dalla Regione Lazio. Le risorse residue vengono con questa terza tranche redistribuite ai 1.437 nuclei famigliari già beneficiari dei buoni spesa erogati nella seconda fase, in base ai parametri riportati in tabella.

 

 

NUMERO COMPONENTI IL NUCLEO FAMILIARE VALORE BUONO SPESA UNA TANTUM

 

1

 

€ 35,55

 

2

 

€ 59,24

 

3

 

€ 82,94

 

4

 

€ 106,64

 

5 o più componenti

 

€118,49

 

Il credito relativo ai buoni spesa sarà nuovamente caricato sulla tessera sanitaria dei beneficiari, i quali riceveranno notifica via sms dell’avvenuto caricamento del credito che sarà spendibile immediatamente e anche in più soluzioni, sino a esaurimento della liquidità a disposizione.

 

I buoni saranno spendibili presentando la tessera sanitaria o il codice fiscale negli esercizi commerciali convenzionati con il Comune di Tivoli. Attraverso questo sistema si garantisce la tracciabilità delle risorse pubbliche erogate, la loro destinazione e la loro non cedibilità, nel rispetto della trasparenza e della privacy delle persone che ricevono il buono.

 

«Si conclude così un lavoro virtuoso iniziato quasi un anno fa con le prime misure governative e regionali a sostegno delle famiglie in difficoltà» commenta l’assessora alle Politiche sociali, Maria Luisa Cappelli. «L’assessorato si è attivato immediatamente affinché arrivassero in tempi rapidi i ristori previsti dal Governo e dalla Regione. Già a dicembre, infatti, il Comune di Tivoli è stato tra i primi della regione a erogare le misure di solidarietà attraverso i buoni spesa. Il lavoro è proseguito poi, dopo le festività natalizie, con la tempestiva pubblicazione del secondo avviso pubblico per dare la possibilità di beneficiare di analogo sostegno a tutti quei cittadini aventi diritto che non erano riusciti a presentare la domanda a dicembre. Oggi, a distanza di sole due settimane dall’erogazione dei buoni spesa relativi all’avviso pubblico di gennaio, procediamo con la distribuzione delle risorse residue ai 1.437 beneficiari che tra dicembre e gennaio hanno presentato la domanda, in modo da distribuire tutti gli stanziamenti trasferiti. Il nostro obiettivo è rispondere nel modo più tempestivo possibile a quanti si affidano a noi. Sino a oggi ci siamo riusciti grazie al lavoro di squadra e all’impegno dei dipendenti comunali che con il loro lavoro hanno dimostrato attaccamento alla cittadinanza, fornendo un servizio il più possibile vicino a chi si trova in situazione di bisogno. Voglio ringraziare tutti gli esercenti che si sono resi disponibili, sin dall’inizio della pandemia, sottoscrivendo le convenzioni, in forza delle quali si è garantito un servizio immediato certo e discreto alla comunità in un momento così delicato. La scelta di utilizzare la piattaforma “Shopping Plus” per l’erogazione dei buoni spesa attraverso la tessera sanitaria, ci ha permesso di ottenere notevoli vantaggi sia in termini di immediatezza rispetto ai tempi di attivazione sia in termini di facilità di fruizione da parte dei beneficiari e nessuna commissione sul transato per gli esercizi commerciali. Mi preme sottolineare, inoltre, che il trasferimento virtuale del credito relativo ai buoni spesa sulla tessera sanitaria ci ha permesso di evitare la distribuzione a mano di carnet cartacei, la cui consegna avrebbe potuto ledere la privacy dei beneficiari oltre che generare assembramenti negli uffici comunali con inevitabile allungamento dei tempi di erogazione. Infine, la piattaforma “Shopping Plus” ha permesso di ridurre i costi di gestione, consentendo al Comune di risparmiare sull’intera procedura di erogazione dei buoni».

 

.