Dai concerti alla videosorveglianza: ecco tutti i bandi vinti dal Comune di Tivoli

Il Comune di Tivoli ha ottenuto 438mila euro di finanziamenti pubblici di enti sovra comunali per la realizzazione di sei progetti cha vanno dall’ambito culturale a quello dell’intrattenimento, sino al wi-fi e alla videosorveglianza. Dieci le proposte presentate (per un totale di 1,2 milioni di euro) su cui il Comune aveva richiesto circa 791mila euro.

I bandi vinti e finanziati sono i seguenti:

–        bando “Eventi delle meraviglie”, già attuato durante l’estate scorsa con la rassegna “Tivoli in cinema” e la proiezione di film all’aperto: circa 13mila euro, dei quali  9mila dalla Regione Lazio;

–        bando “Qualità dell’aria” (nell’ambito del bando regionale sulla riduzione delle emissioni inquinanti), contributi per sostituire le auto più inquinanti con veicoli ibridi o elettrici. Tra le misure previste: la sostituzione delle auto e dei mezzi pubblici  del parco auto comunale con nuovi mezzi ibridi; gli incentivi per l’acquisto di veicoli meno inquinanti anche per i privati; il miglioramento e l’ottimizzazione del traffico automobilistico e pedonale a ridosso della rotatoria di San Giovanni tramite l’installazione di semafori intelligenti; la progettazione d’interventi di car-bike sharing. Costo complessivo: circa 600mila euro, la metà provenienti dalla Regione Lazio;

–        bando per la realizzazione della mostra “Tivoli e le grandi ville di età romana”, a cura della consigliera incaricata per i musei civici Maria Antonietta Tomei, con lo scopo di promuovere il territorio delle Villae attraverso l’allestimento di una mostra e la riqualificazione di tre percorsi di collegamento fra i due siti Unesco (Villa d’Este e Villa Adriana), paesisticamente rilevanti e ricchi di resti archeologici riferibili alle ville romane. Importo complessivo: 13.770 euro, dei quali circa 8.600 euro dalla Regione;

–        bando per “il sostegno a progetti di valorizzazione del patrimonio culturale attraverso lo spettacolo dal vivo”: 16 serate con artisti nazionali e internazionali che si esibiranno nei luoghi della cultura cittadina, da piazza Campitelli alle Ville, in partnership con la riserva naturale di Monte Catillo. Gli eventi previsti sono: Luca Aquino & Giovanni Guidi, musica a Villa d’Este (gennaio); Pino Forastiere, Massimo Saretta in “Tivoli seconda fermata”, musica, teatro e fotografia alle scuderie estensi (febbraio); Becca Stevens, musica nell’ex chiesa dell’Annunziata (marzo); gruppo Exodos, teatro alle scuderie Estensi (aprile);  Gaetano Partipilo Groove collective, musica a piazza Campitelli (maggio); Chris Grey & The bluespand, musica alla fortezza di Rocca Pia (giugno); Edmar Castaneda & Gabriele Mirabassi, musica alla riserva naturale di monte Catillo (giugno); Matt Bianco, musica all’anfiteatro di Bleso (giugno); Tuck & Patti, musica a Villa Adriana (luglio); danzatori Lindy Hop e, a seguire, Greg & the Frigidaires, danza e musica a piazza Garibaldi (luglio); Rezza Mastrella, teatro al santuario di Ercole Vincitore (agosto); Omar Sosa, musica al parco di Villa Gregoriana (agosto); Sergio Cammariere feat. Fabrizio Bosso, musica all’anfiteatro di Bleso (settembre). Sono tre gli eventi sospesi a causa dell’emergenza sanitaria e che dovranno essere ricollocati: Stefania Tallini N.O.A.H. quartet, musica e fotografia nell’ex chiesa dell’Annunziata; Lucy Woodward, musica nell’ex chiesa dell’Annunziata ed Emma Lamadji & Heavenly Praise, musica a piazza Garibaldi. Il programma è stato possibile grazie alla collaborazione con il consigliere incaricato al management turistico Giovanni Cavallo. Importo totale: circa 137mila euro, dei quali 60mila dalla Regione.

– bando “sistema di videosorveglianza” per il contrasto delle attività illecite e della microcriminalità, la prevenzione e il contrasto degli episodi di inciviltà urbana, la salvaguardia del decoro urbano e la prevenzione degli atti di vandalismo e di danneggiamento. Saranno installate ulteriori postazioni nel territorio comunale, edifici e siti sensibili sia in centro storico sia nei quartieri esterni, per un totale di 21 telecamere, andando a completare così  il sistema esistente con un totale di 70 postazioni dislocate su tutto il territorio. Nello specifico a: largo Garibaldi, piazzale Nazioni Unite, piazza Plebiscito, piazza Trento (ingresso Villa d’Este), largo San Giovanni, largo parcheggio Impastato, largo Saragat, viale Mazzini/via Sant’Agnese (stazione ferroviaria), ponte Gregoriano e templi di Vesta e della Sibilla, santuario di Ercole Vincitore, piazza Campitelli, via degli Stabilimenti (area delle vecchie cartiere), mausoleo dei Plauzi, piazzale Yourcenar (ingresso Villa Adriana), via Maremmana Inferiore (altezza villaggio Adriano), via di Campolimpido, piazza della Queva, via Cesurni, strada Bagni Vecchi, piazza D’Este (stazione ferroviaria di Tivoli Terme), viale dei Platani. Nell’elenco dei luoghi che saranno coperti da telecamere di sicurezza verrà a breve aggiunto anche il quartiere Arci. A progetto concluso, la città di Tivoli potrà contare su 88 postazioni di videosorveglianza, se si comprendono anche le 38 postazioni già operative e 22 in corso d’installazione. Al bando per la videosorveglianza hanno lavorato, oltre agli uffici comunali e all’assessore ai Quartieri e all’attuazione del programma Nello Rondoni, anche i consiglieri incaricati rispettivamente per la polizia locale, Costanzo Periotto, e per gli impianti di videosorveglianza Carlo Venturini. Importo totale: 45mila euro, dei quali 40mila stanziati dalla Regione Lazio;

–        bando europeo “Wi-fi 4 e u”, per attivare sistemi di wi-fi libero nel territorio comunale a disposizione cittadini, studenti, turisti. Circa 15mila euro l’importo totale, interamente finanziato dall’Unione europea.

 

«Il Comune di Tivoli si è aggiudicato almeno un finanziamento ogni due proposte presentate», spiega l’assessore Rondoni, «con cui si potranno potenziare progetti già avviati o farne partire di nuovi. Per quasi tutti i lavori presentati – compresi quelli che non hanno ottenuto fondi – il Comune è stato considerato finanziabile. Un risultato per il quale ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a vario titolo, a partire dai dipendenti degli uffici comunali che, pur in un contesto difficile dovuto all’emergenza sanitaria e spesso costretti al lavorare da casa con inevitabili disagi, hanno permesso di arrivare al termine di un lavoro ampio e complesso. Ringrazio, inoltre, la sindaca di Roma Virginia Raggi, il consigliere metropolitano delegato Carlo Caldironi e i loro staff. In un momento così particolare per i Comuni italiani incoraggia e aiuta poter contare sulle risorse degli enti sovra-comunali per attuare i progetti, uno strumento prezioso che dovrà essere sfruttato ancora di più. A tale scopo stiamo lavorando per potenziare e valorizzare l’ufficio dedicato ai bandi pubblici. Auspico, intanto, che si possa instaurare un rapporto di collaborazione sempre più fattiva e trasparente ai vari livelli istituzionali per portare avanti progetti e proposte condivisi da tutti per il bene della nostra città».

​ 

.