E’ stato bloccato dai carabinieri, grazie alle indicazioni dei testimoni, in una stradina laterale a quella frutteria con gli abiti sporchi di sangue e il coltello ancora in tasca. E’ un ventenne connazionale il giovane arrestato per l’omicidio del fruttivendolo di via Sardegna, cittadino egiziano di 28 anni, avvenuto ieri pomeriggio. Un accoltellamento che non ha lasciato scampo alla vittima, morto sul posto. Sul caso indagano i carabinieri della compagnia di Tivoli. Il ventenne, dopo l’interrogatorio, è stato portato nel carcere di Rebibbia. Non è ancora noto il movente dell’omicidio.