L’altra sera gli agenti del commissariato di Tivoli e del reparto volanti, sono intervenuti a Tivoli Terme dove erano stati segnalati maltrattamenti da parte di un uomo nei confronti della moglie.
Sul posto, la vittima ha raccontato ai poliziotti che poco prima il marito, che al momento si era allontanato da casa, l’aveva minacciata e aggredita verbalmente, come ormai avveniva da molti anni. Durante la serata, dopo aver assunto cocaina e bevuto del vino, l’uomo aveva prelevato dalla stanza dei bambini alcuni videogiochi elettronici per poterli vendere e reperire così denaro contante. Nel momento in cui la donna aveva cercato di fermarlo, lui l’aveva colpita schiaffeggiandola e strattonando anche i due figli minori che si erano frapposti tra i due.
Aveva poi afferrato una bottiglia di vetro e, brandendola, aveva continuato a minacciare la moglie, per poi allontanarsi da casa. Al termine dei primi accertamenti, i poliziotti hanno attuato nei confronti della donna il “protocollo Eva” mettendosi alla ricerca del marito.
Questa notte, intorno alle ore 2, la vittima ha ricontattato nuovamente il 113 richiedendo l’intervento della polizia, poiché il marito era tornato a casa minacciando di distruggerle l’auto se non l’avesse fatto entrare.
Quando gli agenti del commissariato sono arrivati sul posto, hanno trovato l’uomo, italiano di 42 anni, con vari precedenti di polizia, seduto nel giardino. Ha raccontato di una lite con la moglie dichiarando di essere tornato a casa solo per poter prendere alcuni effetti personali.Accompagnato negli uffici di polizia, il 42enne è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.