“La prima risposta che serve per dare ossigeno alle imprese del comparto agricolo del Lazio è sburocratizzare l’accesso ai finanziamenti. Per questo chiediamo un atto di coraggio. L’eccesso di burocrazia rischia di bloccare la ripartenza”. A lanciare l’allarme il vice presidente della Commissione Agricoltura e Ambiente, Laura Cartaginese (Lega), in Regione Lazio. “Occorre semplificare l’assegnazione dei carburanti agricoli agevolati, aumentare il numero delle imprese agricole autorizzate alla vendita diretta, dare la possibilità ai cacciatori di catturare i cinghiali che stanno diventando sempre di più un pericolo per le strade, come testimoniato dall’aumento di segnalazioni, e stanno creando danni per l’agricoltura. Aiutiamo i giovani che possono dare nuova linfa al settore. Dobbiamo anche tenere alta l’attenzione per combattere i fenomeni speculativi. Chiedo disponibilità ad accettare proposte in merito alla problematica di assunzione dei lavoratori stagionali. Inoltre spero di vedere maggiori risorse da mettere in campo per implementare la strumentazione informatica (vedi siti internet) per la vendita on line.
Sono a disposizione, come dichiarato questa mattina nel corso di un’audizione, per avviare il rinnovamento della macchina organizzativa per creare un nuovo sistema agricolo regionale”.