di Emanuele Del Baglivo

La notizia dei 18 contagi registrati al Nomentana Hospital di Fonte Nuova ha provocato una forte reazione da parte dei consiglieri comunali di opposizione. Le critiche più dure sono state rivolte proprio al sindaco Piero Presutti, colpevole di non aver saputo comunicare adeguatamente in questo primo periodo di lockdown. La direzione della casa di cura ha comunque specificato di avere la situazione sotto controllo e che i casi resi noti nella giornata di ieri sono concentrati in un unico reparto.

Cosa dice la direzione del Nomentana Hospital

Il 18 marzo la direzione del Nomentana Hospital comunica agli utenti che non è più consentito l’accesso ai familiari dei pazienti ricoverati e che uscite e permessi per i degenti vengono sospesi. Due giorni dopo gli organi preposti della Asl Roma 5 iniziano su espressa richiesta della clinica ad effettuare i prelievi tramite tampone per la ricerca di Covid-19 su tutti i pazienti “presenti nel reparto, luogo del focolaio epidemico, e su tutto il personale medico, infermieristico e di supporto presente in servizio”. Queste informazioni vengono diffuse domenica 22 marzo dalla direzione della struttura attraverso un comunicato ufficiale.
“Tutti i casi si sono verificati in un solo reparto della struttura, e che la Casa di Cura ha adottato tutti gli adempimenti precauzionali previsti – prosegue la direzione rivolgendosi anche ai propri dipendenti –, isolando i pazienti presenti nel reparto e dotando gli operatori sanitari dei dispositivi di protezione individuale previsti per legge. Ci siamo formalmente rivolti più volte alla Protezione Civile per ottenere velocemente i presidi indispensabili per la tua sicurezza e dei pazienti che assisti con fatica e dedizione, continuando a cercare ed ordinare sul mercato tutti i dispositivi di protezione per garantire i necessari strumenti per esercitare le attività professionali. Certamente ci siamo trovati in un momento di grave difficoltà di reperimento di presidi, come tutte le nazioni europee”. La direzione del Nomentana Hospital ha specificato di aver condiviso e comunicato tutte le informazioni alle istituzioni del territorio con puntualità.
“Abbiamo mantenuto aperto un canale privilegiato di comunicazione e condivisione con le Istituzioni – specifica la direzione della clinica –, con il Comando dei CC territorialmente competente, con il Sindaco e il Comando della Polizia Locale di Fonte Nuova, con la Protezione Civile sez. Fonte Nuova, con le organizzazioni sindacali aziendali e territoriali e con qualsiasi altro portatore di interesse chiedendo il loro supporto nella gestione dell’emergenza, mantenendo elevati livelli di trasparenza sulle misure di sicurezza per i Pazienti e per gli Operatori implementate dall’Unità di Crisi del Nomentana Hospital con un anticipo di circa 15 giorni rispetto alle azioni decise dalle Istituzioni: questo deve essere per noi tutti il vero motivo di orgoglio”.

Le reazioni della politica che attacca l’amministrazione

Lo sforzo dal punto di vista della comunicazione da parte del Comune di Fonte Nuova al momento è insufficiente. La cittadinanza richiede ripetutamente attraverso i canali social maggiore presenza del sindaco e un’informazione più puntuale. In questo senso, una parte della minoranza ha diffuso una lettera indirizzata a Presutti con la quale richiede un incontro per poter discutere di 13 punti riguardanti l’emergenza e concentrarsi in modo specifico sulla comunicazione del lavoro che sta svolgendo l’amministrazione. I consiglieri Del Baglivo, Di Bitonto, Di Buò, Mazzoni, Menicucci e Spurio hanno sottoscritto questa lettera. Un altro pezzo di opposizione, rappresentata unicamente da Rinascita di Fonte Nuova, attacca in solitaria il sindaco e arriva a chiedere le dimissioni del primo cittadino con una nota online.
“Il suo ruolo impone di essere in prima linea soprattutto in momenti come questi – scrive la lista civica –, altrimenti rassegni le dimissioni e si faccia da parte! I cittadini oggi vengono a conoscenza di un contagio così importante, che già nei giorni scorsi era stato fatto presente all’amministrazione ma nulla è stato comunicato alla cittadinanza. Tutto questo è inaccettabile, il suo comportamento è come quello del comandante Schettino che nel momento del bisogno abbandona la nave, cioè tutti noi cittadini. Vogliamo e pretendiamo di essere informati della reale situazione a Fonte Nuova e dei possibili risvolti della situazione al Nomentana Hospital”.