Era nell’aria e alla fine la paura di trovarsi senza un aiuto valido per sistemare i conti da presentare in aula a Tivoli si è concretizzata. A lasciare il posto venerdì scorso è stato il dirigente del settore Finanze, Emiliano de Filippo, protagonista nei giorni scorsi di un’amara (sicuramente per lui) vicenda. L’esperto di cifre e numeri arrivato in comune nell’anno del commissariamento dopo la fine del governo Gallotti, parliamo del 2013, ha infatti perso il concorso indetto dal municipio per individuare il dirigente responsabile in via definitiva. Quello di De Filippo era infatti un incarico ad interim che ha deciso di lasciare una volta letta la graduatoria figlia della prima parte del concorso, che lo ha visto fuori dalla terna ora pronta a passare alla fase due, che vede in pole Riccardo Rapalli seguito da Grazia Marucci e Daniela Di Stefano. La lettera di addio, che decorre dal 17 febbraio, non lascia affatto gli animi tranquilli. Per quel tempo il sostituto non ci sarà e gli uffici dovranno portare a compimento un lavoro già difficile di suo. Nell’aria ci sono le tasse al massimo, come è già accaduto negli anni passati, e una serie di questioni che adesso l’assessore al ramo, Maria Rosaria Cecchetti, dovrà cercare di risolvere prima dell’ora X che scatterà tra una manciata di settimane. In giunta i faldoni devono arrivare per i primi dieci giorni di marzo e il tempo è davvero poco. Intanto l’organo politico dei civici è pronto a riunirsi oggi pomeriggio per fare il punto della situazione. alc