Palombarese, scatta la diffida tramite pec delle associazioni di Fonte Nuova, Marco Simone e Santa Lucia per le condizioni ormai precarie del manto stradale della strada provinciale. La situazione di degrado, che ormai permane da mesi, non è stata affrontata in alcun modo dal Comune di Guidonia e dalla Città Metropolitana e ha causato numerosi guasti e inconvenienti agli automobilisti che percorrono questa arteria quotidianamente.

Il documento

Nella lettera le associazioni denunciano oltre alle molte imperfezioni dell’asfalto, anche la criticità relativa agli allagamenti che non ha trovato una sua risoluzione dopo i lavori effettuati da Acea Ato2. Le gelate, soprattutto all’incrocio tra la Palombarese e via di Marco Simone, costituiscono un ulteriore fattore di rischio per i mezzi privati, gli autobus Cotral e i mezzi pesanti che transitano abitualmente su questa strada. Inoltre, a detta dei comitati, le somme stanziate dal Comune di Guidonia per mettere in sicurezza questi segmenti sarebbero del tutto insufficienti per risolvere definitivamente il problema. Nello specifico, le associazioni richiedono al Comune di Guidonia e alla Città Metropolitana il rifacimento del manto stradale nei rispettivi tratti di competenza, il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale e il taglio dell’erba e la pulizia dei bordi stradali. Hanno formulato queste richieste Cittadini per Fonte Nuova è Nostra, Comitato Cittadini per Fonte Nuova, Comitato Ne Lazio, Gente di Fonte Nuova, Marcosimoneonline, Sagra delle Rose, Pro Santa Lucia.

Guidonia abbassa il limite

Come già era capitato in passato, l’amministrazione di Guidonia ha risposto a questa diffida con una nuova ordinanza per far scendere ancora di più il limite di velocità nel tratto incriminato: da oggi infatti tra il km 17 e il km 18 non si potranno superare i 10 km/h. Una situazione paradossale, a breve ai cittadini di Santa Lucia e Marco Simone converrà lasciare l’auto a casa e andare direttamente a piedi.
Emanuele Del Baglivo