La giunta comunale di Fonte Nuova ha approvato un nuovo progetto definitivo per adeguare e terminare i lavori dei marciapiedi e della pavimentazione stradale di via Palombarese a Santa Lucia. Nei prossimi mesi verrà espletata la gara e verrà aperto il cantiere. Lo sfortunato appalto del 2017 prevedeva la consegna dei lavori con tanto di collaudo per il mese di agosto di quell’anno. Le inadempienze dell’impresa aggiudicataria e la conseguente risoluzione del contratto hanno lasciato la strada principale di Santa Lucia in sospeso per 2 anni. 

Più asfalto e più marciapiedi

Il progetto che è stato approvato mostra alcuni elementi migliorativi rispetto a quello originale. È previsto il rifacimento della fondazione e del binder della provinciale, quindi un intervento più profondo rispetto alla sostituzione del solo tappetino da 3 cm del vecchio appalto. In più il nuovo progetto presenta anche un camminamento per i pedoni che verrà realizzato dalla parte del senso di marcia che attualmente ne è sprovvisto: in alcuni punti verrà solo disegnato, in altri sarà costruito un marciapiede vero e proprio. Il tratto della Palombarese interessato da questi lavori di rifacimento è quello compreso all’incirca tra il km 19 e il km 22 e ricade nel comune di Fonte Nuova. Non ha nulla a che vedere con il tratto di competenza della Città Metropolitana al centro delle proteste degli ultimi mesi.    

I tempi e i costi

“L’amministrazione si impegnerà per far sì che i lavori possano prendere il via nel più breve tempo possibile – ha dichiarato Micol Grasselli, capogruppo Per Fare –. La situazione di Santa Lucia è insostenibile e merita di essere risolta rapidamente e nel modo più idoneo. Una volta approvato il bilancio saremo nelle condizioni di poter chiedere il mutuo e, successivamente, di indire la gara. Contiamo di partire con i lavori per l’estate”. Se tutti i passaggi dovessero svolgersi nei tempi previsti, la gara d’appalto potrebbe terminare a maggio, in quel caso lavori al via già da giugno. Il costo dell’intera operazione si aggira attorno a 1 milione e 800 mila euro, cifra che comprende anche la quota (circa 700 mila euro) per quegli elementi aggiuntivi (pacchetto stradale e camminamento dell’altro senso di marcia) che l’amministrazione ha deciso di inserire per fornire ai cittadini un lavoro più accurato.
Emanuele Del Baglivo