Per Fonte Nuova l’anno si chiude con i botti, non solo quelli dei prodotti pirotecnici che i cittadini potranno accendere senza restrizioni, vista l’assenza di un’ordinanza di divieto come quelle di Mentana e Monterotondo; ma anche per le frizioni tra la maggioranza e il gruppo consiliare d’opposizione Vita Nuova, che invia una lettera al sindaco di Fonte Nuova, al primo cittadino di Guidonia e alla sindaca della Città Metropolitana per denunciare lo stato di degrado di via Nomentana e di via Palombarese.

Ai ferri corti

Già nel corso degli ultimi due consigli comunali il livello dello scontro tra la maggioranza e i due esponenti di Vita Nuova aveva fatto registrare picchi molto elevati, con la decisione dei gruppi che sostengono Piero Presutti di far mancare per ben due volte il numero legale, facendo slittare la discussione sulle mozioni presentate da Graziano Di Buò e Daniele Mazzoni al 2020. Ora i due consiglieri passano al contrattacco e chiamano in causa direttamente il sindaco di Fonte Nuova, insieme a Michel Barbet e Virginia Raggi in merito alla situazione a dir poco disastrosa di via Nomentana e, soprattutto, di via Palombarese. 

La lettera

Di Buò e Mazzoni auspicano un rapido intervento delle due amministrazioni comunali e della Città Metropolitana per rimuovere lo stato di pericolo e garantire la messa in sicurezza delle due arterie nei tratti compresi tra Fonte Nuova e Capobianco. In particolare, nella lettera, i consiglieri di Vita Nuova si riferiscono al segmento della Palombarese che da Santa Lucia arriva allo snodo della Centrale del Latte, e al tratto di via Nomentana che giunge al medesimo punto. Il documento evidenzia, inoltre, la mancanza della segnaletica adeguata a indicare le enormi voragini che sono state scavate dall’acqua piovana e dal traffico intenso del periodo prefestivo. Nei giorni scorsi molti automobilisti di Santa Lucia avevano denunciato guasti e danni alle proprie autovetture. Mettere da parte i conflitti di attribuzione e trovare una soluzione per asfaltare nel più breve tempo possibile queste strade, potrebbe essere il modo migliore di iniziare il 2020. 

Emanuele Del Baglivo