Presentati gli investimenti della Giunta per le infrastrutture del Lazio. Nel 2019 sono stati investiti circa 100 milioni di euro da Astral, con oltre 100 aziende diverse che hanno vinto i 120 bandi di gara, per migliorare la qualità delle strade regionali del Lazio. Dallo scorso giugno la Regione ha preso in carico 680 km di strade provinciali, dove sono stati aperti più di 100 cantieri per un totale di oltre 50 milioni di euro di investimenti in manutenzioni straordinarie e 24 milioni per le manutenzioni ordinarie. Infine sono previsti altri 19 milioni per i bandi in fase di pubblicazione e 16 milioni per i bandi in favore della ciclabilità.

Gli interventi di manutenzione straordinaria riguardano, nello specifico:

•             oltre 18 milioni di euro per le strade della provincia di Frosinone (che interessa il 37% degli oltre 1.400 km di viabilità di competenza regionale);
•             oltre 20 milioni di euro nella provincia di Latina (quasi il 17% delle strade regionali);
•             oltre 14 milioni per la provincia di Roma (10% del totale stradale);
•             oltre 8 milioni di euro sia per il viterbese sia per il reatino (rispettivamente circa il 19 e il 17% del totale stradale regionale).

I cantieri ultimati sono 37, per un valore di oltre 8,8 milioni di euro. I cantieri aperti sono 56, per un valore di oltre 30 milioni di euro e altri 28 interventi sono in fase di aggiudicazione, per un valore di circa 12 milioni di euro. Tra i lavori principali conclusi spicca il ripristino del piano viabile di tratti della Monti Lepini (600mila euro), gli interventi di messa in sicurezza della Strada Regionale di Montecassino (quasi 340mila euro) o ancora i 300mila euro sulla Strada provinciale Sabina e i 300mila per creare un bypass al centro abitato di Montelibretti. E anche 1,5 milioni di euro circa per i lavori stradali e illuminazione nell’area FCA di Cassino.

In particolare, sono partiti i lavori da 12 milioni di euro per l’asfalto green (a basse temperature utilizzando anche materiale rimosso) lungo 40 km della via Nettunense. Inoltre, Astral ha aderito al progetto “Ossigeno” e pianterà 1.000 nuovi alberi. I cittadini possono verificare sul sito di ASTRAL l’aggiornamento in tempo reale dei lavori; come per tutti gli altri interventi più importanti.

Nel primo semestre del 2020 partiranno invece i lavori per la realizzazione dello svincolo sulla Cassia all’altezza di Campagnano (circa 6 milioni di euro), importante primo esempio di utilizzo delle risorse derivanti dall’autovelox.

In fase di pubblicazione spiccano i 6,5 milioni di euro per il rifacimento del manto stradale della Cisterna-Valmontone. Aggiudicata inoltre la progettazione del Sottopasso di Casabianca a Ciampino (14 milioni di euro) ed è in fase di progettazione il collegamento Canepina-Vallerano-Vignanello con la Orte-Civitavecchia (40 milioni di euro). Riprenderanno infine le conferenze di servizio per l’approvazione del completamento della Rieti-Torano (60 milioni di euro).

“Aprono 120 cantieri sulle strade del Lazio: circa 100 imprese coinvolte per produrre lavoro, intervenire sulla viabilità con un investimento di 100 milioni di euro che con i ribassi d’asta porteranno a lavori per 130 milioni di euro. Finalmente interveniamo sulle strade che abbiamo preso in carico delle Province, perché l’obiettivo del ‘basta buche’ si ottiene solo con i lavori pubblici. Ieri abbiamo presentato i 500 nuovi bus Cotral, oggi interveniamo sulle buche anche per fare in modo che anche questi bus durino di più”- così il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: la grande novità è la sperimentazione dell’asfalto green: la via Nettunense sarà la prima via verde del Lazio e forse, in questo modo, d’Europa, perché verranno anche piantumati 1000 nuovi alberi del progetto ‘Ossigeno’ della Regione, con un intervento sulla qualità urbana che non ha precedenti della storia della nostra Regione”.