Il consiglio di Fonte Nuova approva un atto di indirizzo per chiedere una moratoria alle compagnie telefoniche per il montaggio delle antenne 5G fino a quando non verrà ultimato il piano antenne. La mozione, presentata dal M5S e sottoscritta da tutta l’opposizione, è stata emendata dalla maggioranza e approvata senza voti contrari.

L’atto di indirizzo

Da quando due mesi fa è scoppiato il caso 5G a Santa Lucia, la posizione dell’amministrazione non è mai stata molto chiara. Le preoccupazioni dei cittadini e l’impegno delle associazioni del territorio e dell’ex assessore all’ambiente Donatella Ibba hanno spinto l’opposizione a interessarsi al problema e a cercare una soluzione, anche per allinearsi ad altri comuni italiani che hanno fermato le installazioni alle antenne 5G per prevenire un eventuale danno alla salute dei cittadini, secondo il principio di precauzione. La minoranza nel corso del consiglio di ieri mattina ha presentato due mozioni. Il documento firmato dal gruppo Vita Nuova, guidato da Graziano Di Buò, improntato verso uno stop molto deciso all’installazione, non ha incontrato il favore degli altri consiglieri. Un punto di convergenza è stato trovato, invece, sull’atto di indirizzo presentato da Alessandro Buffa, con il quale l’intera minoranza intendeva impegnare l’amministrazione alla realizzazione del piano antenne. La maggioranza ha emendato questa risoluzione con un ulteriore punto, frutto di un compromesso tra tutte le forze presenti nell’assise: il sindaco chiederà una moratoria concordata ai gestori per sospendere l’installazione fino a che non sarà completato il piano antenne e comunque non oltre il 31 ottobre 2020.

Soddisfazione di Pd, Fi e 5 stelle

L’opposizione può esultare per quella che sicuramente è stata una vittoria. Alessandro Buffa del M5S, primo firmatario dell’atto, ha anche ringraziato la maggioranza per aver raccolto l’invito della minoranza: “Sono soddisfatto, l’obiettivo era quello di fare un documento condiviso da tutti, anche dalla maggioranza. E ci siamo riusciti – ha detto Buffa –. Questo era il primo passo per cercare di porre rimedio alla situazione del nostro comune. Ringrazio la maggioranza per quello che stiamo facendo e per quello che abbiamo fatto”. Anche il Pd ha rimarcato la bontà dell’iter, anche se il capogruppo Federico Del Baglivo non ha rinunciato a sottolineare l’importanza del lavoro di commissione che, in parte, è stato disatteso: “Sono contento e soddisfatto del clima di collaborazione dal quale è scaturita questa soluzione condivisa – ha detto nel suo intervento Del Baglivo –. Tuttavia, questo atto poteva nascere già in commissione. Se anche in quel caso avessimo svolto un lavoro del genere, saremmo arrivati in consiglio con un altro spirito. Quel che abbiamo approvato rimane il punto di caduta migliore, salvaguarda sia l’infrastruttura che la salute dei cittadini”.
Sulla stessa linea si è espresso anche Spurio di Forza Italia: “Questo accordo è un riassunto di tutto quello che è stato fatto in questo periodo. Arrivare a votare un atto quasi all’unanimità significa che dalla maggioranza hanno compreso che occorreva fare uno sforzo per andare incontro alle esigenze dei cittadini”.
L’unanimità non è stata raggiunta in quanto il consigliere di minoranza Marco Di Bitonto ha ritenuto opportuno astenersi non accettando un accordo considerato al ribasso, che di fatto ha bypassato il lavoro svolto dalla commissione Ambiente.

Vita Nuova favorevole, ma continua la sua battaglia

Fuori dal coro la dichiarazione di voto di Graziano Di Buò, il quale avrebbe voluto una presa di posizione più forte da parte dell’amministrazione: “Da una situazione grande si passa a una situazione di tipo minimale, come è tipico di chi non osa volare – ha dichiarato l’ex sindaco –. Si parte dalle premesse di atto di indirizzo per la salute pubblica e si finisce a parlare del piano delle antenne. Tuttavia, noi di Vita Nuova accettiamo questo risultato minimale, seppur partendo dal gradino più basso come questa maggioranza sta facendo”. Il gruppo Vita Nuova, alla presenza dei consiglieri Graziano Di Buò e Daniele Mazzoni, approfondirà il tema 5G in un’ulteriore riunione con la cittadinanza che si terrà a Santa Lucia nella giornata di venerdì 22 novembre alle 18.00, presso il Centro Anziani in via Palombarese 224.