Il comune di Monterotondo, in collaborazione con Engie, ha presentato in una conferenza stampa i lavori di trasformazione della rete di illuminazione pubblica, già avviati lo scorso 16 ottobre.
Nei prossimi 9 anni, in ottica di ‘Smart City’, il comune e l’azienda attiva nel campo dell’energia, lavoreranno in partnership per ridurre i consumi di energia e l’inquinamento luminoso e ambientale.

Tecnologia e risparmio

I principali interventi che verranno svolti a Monterotondo riguarderanno la sostituzione di oltre 4.100 corpi illuminanti con altrettanti a tecnologia LED. Un progetto che porterà a un risparmio annuo di 2 milioni di kWh, che si traduce in un risparmio energetico del 65%, pari a una diminuzione di 750 tonnellate di CO2 in 12 mesi. Come se circolassero 380 autovetture in meno all’anno nella città eretina. La sicurezza stradale sarà maggiore, grazie anche al rinnovo degli impianti semaforici: il tutto sempre finalizzato al risparmio energetico. Oltre ai lavori di riqualificazione, Engie garantirà anche la manutenzione delle nuove apparecchiature. A disposizione dell’intera cittadinanza, delle forze dell’ordine e degli enti di verifica sarà disponibile un nuovo numero verde (800 894 520) attivo 24h/24 per 365 giorni l’anno, migliorando così i tempi di intervento in reperibilità. I lavori termineranno entro aprile 2020, ma l’impegno dell’amministrazione comunale e di Engie è quello di concludere già il 70% dei lavori entro febbraio 2020.

Svolta verde

Prosegue il percorso “green” dell’amministrazione eretina. Dopo la pubblicazione del nuovo piano del traffico, la giunta guidata dal sindaco Riccardo Varone compie un altro passo verso la sostenibilità.
“Il programma degli interventi previsti – dichiara il Sindaco, Riccardo Varone – rientra in una più ampia strategia amministrativa che guarda all’efficientamento energetico e la sostenibilità ambientale. La sostituzione di più di 4.000 corpi illuminanti con tecnologia a Led, oltre a rispondere alla necessità di adeguamento normativo degli impianti, aiuterà ad aumentare la sicurezza, concorrerà al mantenimento del decoro pubblico e consentirà di abbattere i consumi e di ridurre le emissioni di CO2, rappresentando così il contributo, seppur piccolo ma fondamentale, del comune di Monterotondo alla lotta ai cambianti climatici. Rivolgo, infine, il mio personale ringraziamento per il lavoro svolto al consigliere comunale Roberto Del Ciello, a tutto il personale dell’ufficio tecnico e in particolar modo al Rup Paolo di Domenico che ha seguito la parte di competenza comunale”.

Emanuele Del Baglivo