Levata di scudi anche da parte del Pd di Mentana sull’operazione approvata dalla maggioranza in merito al nuovo campo sportivo. Dopo la bocciatura degli esponenti di centrodestra, anche i democratici dal loro punto di vista denunciano le carenze che avrebbe il progetto approvato in consiglio dall’attuale maggioranza.

Favorevoli al campo, ma non a queste condizioni
Il Pd mentanese esprime la propria contrarietà alla realizzazione del progetto che riguarda il nuovo stadio comunale e affronta anche altri aspetti che ruotano attorno all’adozione del piano integrativo per il Cpr 1 e 14. “Sussistono forti dubbi in merito all’effettivo bilanciamento tra l’interesse pubblico e privato, nonché la forte probabilità di danno grave alle casse comunali”. I democratici pur essendo convinti dell’importanza e della necessità di realizzare lo stadio con una cooperazione tra pubblico e privato, non apprezzano le proporzioni configurate dalla maggioranza in questo accordo, concordando con la posizione espressa anche da Arianna Plebani
“A fronte della costruzione del campo è previsto un aumento del 200% della cubatura edificabile in zona Mattonata – dice la segretaria Serena Pandolfi –. Con 21.801 mc in più rispetto ai 10.000 già previsti dall’attuale piano regolatore, il privato potrà infatti costruire 5 nuovi edifici residenziali (circa 90 appartamenti), ciascuno costituito da 4 piani con possibilità di un’ulteriore piano mansarda. A questi circa 6812 mq corrisponderebbe, secondo le stime dell’osservatorio immobiliare dell’agenzia entrate (e un prezzo minimo di mercato di 1800 euro/mq) un potenziale guadagno per il privato di 20 milioni di euro”. Il Pd sottolinea anche che a questo si aggiunge il fatto che un tale incremento della cubatura residenziale insiste su un’area caratterizzata già da edilizia intensiva, senza adeguate garanzie per quanto riguarda l’urbanizzazione primaria e secondaria, oltre ai servizi offerti.

Priorità alla scuola
La formazione di centrosinistra ha anche aggiunto un ulteriore elemento alla discussione manifestando la sua sensibilità nei confronti della realizzazione di un istituto scolastico superiore, vera urgenza secondo i democrat.
“L’amministrazione ha dato la priorità al campo sportivo, noi l’avremmo data alla scuola superiore – ha dichiarato Maria Rendini, capogruppo Pd –. Questa maggioranza vuole strumentalizzare il fatto che l’opposizione voti contro ad un bene del territorio. Noi non siamo contrari al campo sportivo, ma alla modalità con cui si intende realizzarlo. Lo stadio è più importante di ogni interesse comunale?”.
Questa scelta della maggioranza civica arriva dopo l’aggiudicazione di una succursale del Liceo Classico Orazio di Roma da parte del comune di Fonte Nuova, che ha rappresentato per Mentana un piccolo passo indietro verso la realizzazione di un proprio istituto. “Oltre le tante chiacchere – continua il comunicato dei democratici –, nelle azioni concrete si continua a scegliere di non investire in strutture scolastiche sul territorio, per di più favorendo progetti dubbi e in cambio di cementificazione”.

Emanuele Del Baglivo