Aaa cercasi un direttore artistico per il comune di Tivoli. Nasce una nuova figura che dovrebbe aiutare Palazzo San Bernardino a definire la programmazione annuale di eventi e iniziative da organizzare sul territorio. Il municipio cittadino avvia la macchina della ricerca di risorse umane, se più o meno nuove lo scopriremo solo vivendo, e lo fa partendo dai settori-chiave della “Programmazione 2020-2022”, ovvero la aree turismo e cultura. Quali caratteristiche dovrà avere? Basta leggere la delibera di giunta numero 173 dello scorso 18 ottobre, con cui vengono date le direttive per individuare il professionista dell’organizzazione eventi, perdonate la semplificazione grossier: conoscere il territorio tiburtino, avere competenze professionali per la valorizzazione delle risorse culturali e una notevole esperienza in materia di progettazione culturale, letteraria e artistica. Un know how dunque di livello, che in pochi sicuramente avranno, anche se qualche idea su chi potrebbe presentare la domanda per occupare la sedia in giro si fa già. Il futuro Direttore dovrà occuparsi delle manifestazioni di punta del Proietti I, ovvero “Tivoli Chiama! Il Festival delle Arti”, la stagione teatrale, “Tivoli Off” e “Tivoli Incontra”, iniziative che hanno animato – con successo –  gli anni passati. Costo dell’operazione, che sarà di tre anni, 15mila euro ogni dodici mesi. Chi se la sente può sempre provarci.