Il diktat è tutti zitti, o qualcosa del genere: il consiglio richiesto dall’opposizione a Guidonia Montecelio per discutere del doppio incarico di Davide Russo non viene convocato. La maggioranza tira avanti all’ultimo giorno utile, s’intende, per arrivare in assise quando Russo avrà già lasciato il Comune di Bronte dove è consigliere. Ma andrà davvero così? Lecito chiederselo visto che i rapporti sono rotti ben al di là dei silenzi sulla doppia poltrona, tanto che il collega e presidente di commissione Claudio Zarro ha detto chiaro e tondo che comunque la fiducia è spezzata e deve andarsene via. Di questo si parla ma non in consiglio. “E’ vergognoso che una settimana dopo la richiesta di convocazione, il sindaco Michel Barbet e tutta l’amministrazione si nascondano dentro le stanze”, attacca dalla minoranza il democrat Mario Lomuscio. “Evitano il confronto, si rifiutano di fornire spiegazioni alla città sul doppio incarico di Russo e sulla tenuta di questa amministrazione. La crisi emersa in maggioranza come confermato da Zarro nell’intervista video rilasciata conferma che sono ormai al capolinea. E’ ora di ridare dignità al nostro Comune, che Barbet e i cinque stelle ammettano la sconfitta e riconsegnino la chiave di Guidonia ai cittadini”.

GUARDA ANCHE – Intervista video a Zarro: “Russo deve lasciare Guidonia”