Via alla riqualificazione del parco di via Val d’Aosta a Santa Lucia, i lavori sono iniziati ieri. L’opera è stata aggiudicata con un bando della Città Metropolitana e prevede una vera e propria ristrutturazione dei vari ambienti del giardino, con l’inserimento di una costruzione prefabbricata che successivamente verrà data in gestione a chi dovrà curare la pulizia e la manutenzione del parco.


Il nuovo parco “green”

Oltre allo sfalcio dell’erba e alla riqualificazione del vialetto che dall’accesso porta all’area giochi, il progetto contempla anche l’installazione di un prefabbricato in x-lam, un legno lamellare, che sarà adibito a bar e ludoteca. La costruzione sarà autonoma dal punto di vista energetico, in quanto soddisferà i propri bisogni attraverso i pannelli solari che verranno montati sul tetto. Il costo dell’intera operazione è di 343.000 euro e, grazie al buon ribasso scaturito dalla gara d’appalto, già si sta pensando a ulteriori interventi per abbellire il giardino pubblico. Al termine dei lavori, il servizio bar e la gestione della ludoteca verranno assegnati attraverso un bando. Chi se li aggiudicherà dovrà provvedere alla pulizia e alla manutenzione del parco, nota dolente in questi ultimi anni per le amministrazioni fontenuovesi che si sono succedute, visto il costo ingente. 

Il commento di Micol Grasselli

È stata ripagata l’attesa dei cittadini di Santa Lucia che in più di un’occasione avevano denunciato lo stato di abbandono del parco, una soddisfazione che traspare anche dalle parole della consigliera metropolitana e comunale Micol Grasselli: “Fin dall’inizio del nostro mandato il parco mostrava notevoli criticità, abbiamo quindi subito capito che dovevamo intervenire – ha dichiarato la consigliera di maggioranza –. La nostra idea è quella di far diventare questo spazio pubblico, nel tempo, un eco parco volto all’educazione ambientale. Un lungo processo di atti burocratici, un grande lavoro anche degli uffici, ci ha portati all’inizio dei lavori. Saremo soddisfatti e orgogliosi, però, solo quando la prossima primavera estate il parco sarà fruibile a tutti”. 

Emanuele Del Baglivo