Fonte Nuova avrà il suo Liceo Classico. Nei locali comunali di via Lago di Bracciano verrà approntata una sede succursale dell’Orazio di Talenti. La nuova scuola sarà attiva già dal prossimo anno scolastico 2020-21 ed è stata presentata dagli amministratori locali e dagli assessori regionali in una conferenza per la prima volta dalla terrazza della Torre Civica. 

La scuola avrà due sezioni e due indirizzi

Questa soluzione era stata caldeggiata in seguito al caos iscrizioni che aveva coinvolto il Liceo Catullo di Monterotondo. Già a marzo era iniziata a circolare la notizia della possibile apertura di una succursale del Liceo Orazio a Santa Lucia e nello spazio di qualche mese il progetto è quasi diventato realtà. 
“Vola solo chi osa farlo – ha esordito la professoressa Maria Grazia Lancellotti, preside del Liceo Orazio, citando Sepulveda –. Questa credo sia la storia dell’assessore Guidarelli che mi ha davvero coinvolto in questo sogno”. Le attività della nuova scuola partiranno già dal prossimo anno scolastico ma in una sede provvisoria, in quanto i locali di via Lago di Bracciano avranno bisogno di alcuni lavori di ristrutturazione per poter ospitare gli studenti, come ha ricordato nel suo intervento proprio il vicesindaco Riccardo Guidarelli, assessore alla Pubblica Istruzione e ideatore di questa operazione. L’istituto avrà due sezioni, una di liceo classico e una di liceo linguistico. 

Gli assessori regionali e il sindaco

Fonte Nuova aveva davvero un gran bisogno di un nuovo plesso scolastico sia per limitare i problemi di viabilità che la affliggono, ma anche per fornire ai giovani fontenuovesi una scelta più ampia di indirizzi, aumentando la proposta formativa, tema toccato dall’assessore alla Scuola della Regione Lazio Claudio Di Berardino: “Riteniamo sia importante andare nei territori e rimettere al centro la questione giovanile e la questione della scuola – ha spiegato Di Berardino –. Dobbiamo garantire le pari opportunità e porci l’interrogativo del domani, quindi non dobbiamo agire solo sul contingente. Attraverso la scuola abbiamo il dovere di far ripartire l’ascensore sociale, fermo da troppo tempo”. 
Per quel che riguarda i lavori di cui avrà bisogno la nuova sede, Mauro Alessandri ha confermato pieno appoggio: “Anche sui luoghi si fonda l’identità, Fonte Nuova è un comune molto giovane e giustamente deve costruirsela. In quest’impegno saremo al suo fianco – ha assicurato l’assessore ai Lavori Pubblici della Regione Lazio –. Proseguiremo nella strada dell’ascolto delle esigenze e dei bisogni dei territori. In questo caso sarà decisiva la collaborazione tra i vari enti”. 
L’impegno dell’amministrazione non finisce qui, il sindaco ha annunciato degli altri investimenti e ha fissato l’istruzione come una delle proprietà della sua giunta.
“Stiamo già spendendo 1 milione e 200 mila euro di fondi ministeriali su via Brennero, ma ne abbiamo portati a casa 7, che serviranno anche per l’adeguamento per la Scuola Aldo Moro – ha detto Piero Presutti –. In più stiamo per avere altri 3 milioni di euro, in parte da utilizzare proprio per i lavori a via Lago di Bracciano. Tra le priorità del nostro programma ci sono la scuola e i servizi sociali. La scuola è un elemento importante di inclusione sociale anche e soprattutto verso i diversamente abili”.  

Emanuele Del Baglivo