C’è un’interrogazione parlamentare sul caso del doppio incarico dei vicesindaco di Guidonia Montecelio, Davide Russo. Il senatore della Lega William De Vecchis, vicepresidente della commissione Lavoro a Palazzo Madama, sollecitato dalla consigliera Arianna Cacioni, ha presentato un’interrogazione “per avere tutti i chiarimenti del caso sull’incresciosa vicenda dell’assunzione di un doppio incarico come assessore alla Legalità del comune di Guidonia Montecelio e consigliere comunale al comune di Bronte da parte del vicesindaco di Guidonia Montecelio Davide Russo. La vicenda, di per sé inaccettabile, sfocia nel ridicolo, soprattutto perché la lotta alla casta, alle poltrone, ai privilegi, è sempre stata appannaggio del MoVimento”.

“Evidentemente il penoso esempio di attaccamento alle poltrone offerto a livello nazionale, viene replicato a livello locale in completo spregio delle regole e dei cittadini, vera parte offesa della vicenda. Guidonia Montecelio, terza città del Lazio per numero di abitanti che quasi raggiungono le centomila unità – dice il senatore – non merita questo scempio da parte di chi con la difesa della legalità e la tutela dell’onesta, si riempie la bocca tutti i giorni lasciando nel più completo degrado ed abbandono, senza i minimi dei servizi essenziali, un’intera comunità. Mentre restiamo in prima fila per mandare a casa il sindaco Barbet e la sua corte dei miracoli, attendiamo fiduciosi i chiarimenti dei soloni della trasparenza che nel MoVimento non mancano mai”. 

LEGGI ANCHE – Il caso Russo e la resa dei conti nei 5S