La parola chiave è “rinnovamento”. Cambiano i vertici di Alleanza per Tivoli, il gruppo fondato da Ezio Fiorenzi, scomparso due anni fa, che fino a questo momento è stato guidato da Marino Capobianchi, da ieri ha un nuovo presidente, Massimiliano Bruschi. “Alleanza per Tivoli ha rinnovato le cariche sociali ritenendo che, con le elezioni, si sia chiusa una fase politica. In politica bisogna sempre guardare avanti ed anticipare i tempi, da qui l’avvio di una fase di rinnovamento – dicono in un nota dal gruppo -. Rinnovamento senza strappi, in continuità”. Continuità data dalla presenza, tra gli altri,  nel direttivo dello stesso Capobianchi insieme a Dino Romiti e Antonio Pisapia, mentre la vice presidenza è andata a Francesco Di Romano, che nel corso dell’amministrazione Gallotti  è stato membro del consigli di amministrazione della Acque Albule spa. Nella Commissione di Garanzia, invece, si registra anche la presenza della consigliera eletta con la lista “La Democrazia”, Alessandra Fidanza. “Ringrazio gli amici per la fiducia e spero di portare avanti i valori condivisi negli anni prima da Ezio fiorenzi e poi da Marino Capobianchi. Occorre guardare al futuro, di Alleanza per Tivoli e della città. Dobbiamo tutti sforzarci di sognare la Tivoli del domani, trovando gli strumenti, politici ed amministrativi, per la sua crescita armonica. Per questo, riguardo all’amministrazione, lavoreremo con la nostra consigliera Alessandra Fidanza in continuità politica con il passato, siamo in maggioranza ma rimanendo utilmente critici”, ha commentato il neo presidente. Una criticità che il Sindaco e la maggioranza che sostiene il governo cittadino oggi registra e su cui forse – e vale la pena ribadire forse – potrebbe aprirsi anche un dibattito dagli esiti incerti.