L’opposizione sta chiedendo un consiglio comunale straordinario per il caso di Davide Russo, il vicesindaco di Guidonia Montecelio da aprile anche consigliere a Bronte, in Sicilia. Non è tanto l’aspetto della compatibilità a far tremare le sedie quando il segreto che un manipolo di cinque stelle ha tenuto anche con il resto della maggioranza. La questione scatena reazioni dall’altra parte della barricata. “Il vicesindaco nascondendo il doppio incarico ha tradito la fiducia della città – dice il consigliere del Pd Mario Lomuscio – predicano trasparenza e poi questi sono i fatti concreti. Non ha detto niente alla sua stessa maggioranza. E voglio aggiungere una cosa, chi nei cinque stelle sta sminuendo la questione non fa che dimostrare superficialità. Noi vogliamo che vengano in consiglio a discuterne”. E infatti la minoranza si sta muovendo così, lo spiega il capogruppo del Pd Paola De Dominicis: “Al di là se Russo sia compatibile o meno, rimane il fatto grave che il vicesindaco nonché assessore alla Legalità non abbia informato il consiglio comunale della sua doppia carica. Chiediamo quindi un consiglio straordinario e che il presidente del consiglio scriva al Prefetto per sottoporgli la questione giuridica”.

LEGGI ANCHE – Russo assessore a Guidonia e consigliere in Sicilia, scoppia il caso nei 5S