Le sorti delle Torri non sono ancora chiare, intanto però il comune di Tivoli, che vuole mantenere le porte aperte per mostre e visite, ha lasciato le chiavi in mano all’Asa srl, la società partecipata al 100% sorella minore della società per azioni, che si occupa di gestire tra le altre cose i parcheggi a pagamento in città. Con la determinazione dirigenziale numero 1868 del 6 settembre scorso, il municipio cittadino ha dato il via libera all’apertura temporanea della Rocca Pia con supporto logistico affidato all’Azienda speciale ambiente ma solo temporaneamente. I mesi infatti saranno quelli che vanno da settembre a dicembre, chiaramente con un costo. Atti alla mano l’operazione Torri cittadine costerà alle casse pubbliche 21mila euro IVA inclusa. Per fare cosa? Apertura e chiusura del sito, comprensivo di assistenza e controllo del flusso turistico, assistenza agli eventi culturali e alle visite scolastiche infrasettimanali, pulizia bagni, androne/biglietteria, svuotamento cestini e fornitura di materiali di consumo nei bagni. Chiaramente il futuro è tutto ancora da scrivere.