Polemiche e divisioni deleterie, il segretario provinciale del Pd entra nell’infuocato sabato di Guidonia Montecelio per avvertire consiglieri e dirigenti: presto una riunione e possibili drastiche iniziative per l’ingestibile partito. Non poteva restare in silenzio Rocco Maugliani che segue quotidianamente le vicende della terza città del Lazio, nello spirito – si era capito pochi giorni fa – di imprimere una svolta di unità e di reale ricostruzione del tessuto del partito per arrivare alle amministrative, tra tre anni, in maniera diversa. Intenzioni sfumate violentemente nelle ultime 48 ore, a causa dell’inasprimento repentino del dibattito interno. Colpa del caso scoppiato intorno al documento sulla gestione del personale in Comune da parte dell’amministrazione a traino cinque stelle. La capogruppo Paola De Dominicis ha annunciato una denuncia all’anticorruzione e il resto dei consiglieri questa mattina l’hanno smentita. Simone Guglielmo, Emanuele Di Silvio e Mario Lomuscio hanno preso le distanze da quel documento, generando una ulteriore reazione nella De Dominicis che li ha accusati di distanziarsi dalla linea della legalità. Figurarsi. Il telefono di Maugliani deve essere impazzito, e così il segretario decide di intervenire direttamente: “Nei prossimi giorni convocherò in una riunione a Guidonia il gruppo consiliare e il segretario cittadino. Ritengo tale riunione urgente alla luce delle polemiche che in queste ore hanno esposto il nostro partito a mezzo stampa dandone un’immagine negativa che credo non corrisponda alla realtà. Ho la massima stima di tutti e quattro i consiglieri comunali soprattutto, vorrei sottolinearlo, dal punto di vista dell’onorabilità personale che non può essere messa in discussione. Credo però che questo stillicidio di polemiche continue stia nuocendo al partito, tanto più che tutto ciò avviene dopo che il segretario cittadino aveva nominato una nuova segreteria che avrebbe dovuto aiutare il partito a superare una stagione di polemiche. Ascolterò il segretario e i consiglieri comunali riservandomi, all’indomani della riunione e in accordo con gli organismi sovraordinati del partito, di assumere ogni iniziativa necessaria a ripristinare una dialettica costruttiva da sottoporre e notificare agli organismi locali. Mi sembra evidente che a Guidonia non possiamo continuare così”. Sembra di capire, non è escluso il commissariamento. geape.