L’interrogazione a risposta immediata discussa ieri, mercoledì 25 settembre, nel consiglio regionale del Lazio con la question time del consigliere Laura Cartaginese ha prodotto un sollecito al Ministero della Salute che la Regione Lazio effettuerà per cercare di sbloccare finalmente l’iter per l’installazione di una risonanza magnetica nell’ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli. Il 28 febbraio del 2018 con decreto 64 sono stati assegnati all’Asl Roma 5 dei fondi per il potenziamento della Rete Trauma ed Emergenza del Dea di I livello di Tivoli. L’Asl Roma 5 include il territorio che parte dai confini di Roma e che comprende i distretti sanitari di Tivoli, Guidonia Montecelio, Monterotondo, Subiaco, Palestrina e Colleferro, un bacino che copre un’utenza di circa 500mila persone del quadrante Est della Capitale. Nell’ambito dei fondi assegnati è prevista l’installazione di una Risonanza Magnetica da 1,5 Tesla presso l’ospedale di Tivoli e 3 nuove Tac: una a Tivoli, una a Palestrina e una a Colleferro. I finanziamenti in oggetto sono in attesa dell’approvazione definitiva da parte del Ministero della Salute che arriverà a breve.

Lo scorso 15 maggio l’Asl Roma 5 ha, infatti, inviato lo studio di fattibilità con la compatibilità progettuale ed economica per i lavori e le nuove macchine. In via preliminare l’installazione di una risonanza magnetica prevede dei lavori per le opere di consolidamento, l’ampliamento delle superfici per l’installazione atte a contenere il campo magnetico, opere impiantistiche nelle quali includere i sistemi di gestione e i sistemi di sicurezza per l’espulsione dell’elio e la predisposizione dei locali accessori annessi ed indispensabili al servizio come da prescrizioni Inail.

“La risonanza magnetica è uno strumento diagnostico di fondamentale importanza, un salvavita in determinate circostanze. Non serve sottolineare quanto questa carenza abbia ricadute pesanti sull’utenza che ogni giorno si reca lì e quanto sia importante dare seguito a quanto annunciato più di dodici mesi fa. La mancanza di un’apparecchiatura di risonanza magnetica, inoltre, causa un estremo disagio ai pazienti ricoverati presso l’Ospedale di Tivoli che vengono trasportati verso altre strutture accreditate per effettuare queste indagini diagnostiche”, le dichiarazioni del consigliere regionale Laura Cartaginese (Forza Italia). Dopo il sollecito successivo all’intervento del consigliere Cartaginese e ottenuto il via libera dal ministero, la Asl Roma 5 Tivoli trasmetterà il progetto di gara al Nucleo di Valutazione Regionale per la validazione tecnica e l’autorizzazione con cui attiverà la procedura aperta di acquisizione prevista dal D. Lgs 50-126 Codice dei Contratti Pubblici e Procedure di appalto per l’installazione della risonanza magnetica da 1,5 Tesla presso l’Ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli.