Guidonia Montecelio, Tivoli, Pomezia e Fiumicino nello stesso progetto per contrastare lo spaccio e rendere le scuole sicure. Proprio ieri è stato firmato un protocollo d’intesa con il prefetto di Roma Gerarda Pantaleone, che si chiama “Scuole Sicure” con fondi governativi.

“Il progetto – commenta il vicesindaco di Tivoli Laura Di Giuseppe – seguito sin dall’inizio dall’assessore alle Politiche Sociali Maria Luisa Cappelli in collaborazione con il Settore Lavori Pubblici, prevede l’implementazione del servizio di videosorveglianza presso tre istituti scolastici di istruzione superiore. La scuola è il luogo dove le nuove generazioni si formano come uomini e donne del domani ed è per questo che, come amministrazione comunale, cerchiamo di vigilare affinché nulla di illecito possa turbare l’attività didattica ed aumentare la prevenzione di comportamenti a rischio per il benessere prima di tutto dei ragazzi e di tutta la comunità”.

“Si tratta di un progetto, finanziato dal Ministero dell’Interno – spiega il sindaco di Guidonia Michel Barbet – per un importo di 41mila euro, per prevenire e contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti. Un intervento progettato, sotto la guida del vicesindaco Davide Russo, che permetterà alla nostra città di dotarsi di un sistema di videosorveglianza all’esterno degli istituti scolastici e di personale per i controlli antidroga. Verranno svolte, inoltre, campagne di sensibilizzazione, attività di informazione e formazione rivolte agli studenti, docenti, operatori e genitori”.