L’anno scolastico sta per partire e per gli alunni del plesso scolastico “Sandro Pertini” di Tivoli le novità non saranno solo legate al nuova programma didattico messo sul tavolo dai docenti. A cambiare per loro sarà infatti anche l’indirizzo dell’istituto che hanno dovuto abbandonare. Gravi problemi strutturali hanno reso impossibile, infatti, la riapertura delle aule che si trovavano, il passato è d’obbligo, dietro il palazzo comunale: per raggiungere le nuove aule ci sarà un pulmino. “Il Comune di Tivoli, in adempimento della normativa del 2003, ha fatto eseguire le previste verifiche di vulnerabilità sismica – fanno sapere dal municipio -. Tali verifiche hanno certificato per l’intero edificio il mancato raggiungimento del coefficiente minimo di sicurezza strutturale”. Una questione non di poco conto che nei fatti ha reso impossibile continuare a svolgere le lezioni nella struttura. Cosa succede ora? Come già spiegato dall’assessore ai Lavori Pubblici, Laura Di Giuseppe, gli allievi saranno momentaneamente delocalizzati in 4 luoghi diversi in attesa degli esiti delle indagini che si stanno svolgendo: 12 classi della primaria all’ “Isabella d’Este”, 3 dell’infanzia a “Don Nello del Raso”, altre 3 nella “Igino Giordani”, mentre la parte didattica e amministrativa nell’istituto ITGC “E. Fermi”. Vista la frammentazione e le possibili difficoltà da parte dei genitori per espletare le “operazioni di accompagnamento” è stato messo a disposizione gratuitamente un pulmino riservato proprio ai ragazzi spostati di sede. Il modello per la richiesta è disponibile già da qualche settimana sul sito istituzionale del comune. 

Anna Laura Consalvi