Dopo una lunga fase di restauro Palazzo Bonaparte, casa di Maria Letizia Ramolino, madre di Napoleone, riapre i battenti trasformandosi da lussuosa dimora a spazio di arte e cultura per la comunità. Oggi di proprietà di Generali, il palazzo fu costruito nella seconda metà del ‘600 da Giovanni Antonio De Rossi e vanta oltre tremila metri quadrati di mosaici, stucchi e affreschi tutti in stile barocco e rinascimentale. Solo successivamente, nel 1818, fu acquistato dalla mamma di Napoleone che ci visse fino alla sua morte, avvenuta nel 1836. Il palazzo, celebre per il suo balcone verde da cui donna Maria Letizia si affacciava per osservare il via vai tra piazza Venezia e via del Corso, è stato riaperto in via straordinaria martedì 9 luglio ma dovremo aspettare domenica 6 ottobre per l’apertura ufficiale. Da quel momento sarà allestita Impressionisti segreti, una mostra dedicata alla pittura del 1800 con 50 opere provenienti dalle collezioni private più importanti ed esclusive del mondo. L’esposizione accoglierà opere normalmente inaccessibili di artisti del calibro di Monet, Renoir, Picasso, Sisley, ma anche di Signac, Gauguin, Morisot e Cézanne. Impressionisti segreti sarà solo il primo di una lunga serie di progetti che daranno nuova vita al palazzo. Saranno infatti ospitate numerose mostre insieme ad eventi culturali e didattici che daranno particolare attenzione alle famiglie e ai più piccoli.

Virginia Gigliotti