Un altro pastrocchio formale ma molto sostanziale rischia di mettere in serie difficoltà il Comune di Guidonia Montecelio sul fronte delicato delle finanze. Dopo l’uscita di scena di Maria Lombardi, il sindaco ha infatti conferito un incarico dirigenziale part time ad un funzionario del Comune di Venafro, provincia di Isernia, che sarà in comando per 24 ore settimanali presso Guidonia. Una mossa fuori dalle regole per il consigliere del Pd Emanuele Di Silvio: “Tutto ciò in palese violazione dei regolamenti comunali e del Ccnl enti locali che, per questa tipologia di incarico, prevedono l’obbligo di mansioni svolte a tempo pieno presso l’ente. Si rischia il caos amministrativo contabile: tutti gli atti che verranno siglati dal neo arrivato saranno nulli, compresi gli equilibri di bilancio, in discussione nei prossimi giorni in consiglio comunale. A Barbet, e ai suoi fidati scudieri, sta praticamente sfuggendo di mano il funzionamento della macchina amministrativa. Dare il nulla osta al trasferimento della dirigente in carica proprio in prossimità di scadenze e adempimenti di legge è stato un gravissimo errore. Tentare di risolverlo in fretta in furia con un atto illegittimo significa esporre la città di fronte a pericolose ricadute economiche. Per questo ho già inviato una nota al segretario comunale per chiedere l’immediata revoca dell’atto di nomina. Al contempo attenzioneró i revisori dei conti diffidando sin da ora l’amministrazione a porre in votazione qualsiasi atto prodotto dal nuovo incaricato in quanto viziato e nullo, compresi gli equilibri di bilancio in scadenza il prossimo 31 luglio”.