L’obiettivo è sempre lo stesso, spostare l’insediamento rom che staziona abusivamente all’Albuccione a due passi dalla scuola e dalle abitazioni, in un terreno, dove è tutto da decidere. E’ la soluzione che il tandem Michel Barbet Davide Russo avanza dalla ormai nota guerriglia che sconvolse un quartiere esasperato. Livelli di tensione cresciuti di nuovo in questi giorni, a fronte di ripetuti furti, solo nella scuola in due giorni consecutivi. L’apice ieri quando tra i residenti e i rom del campo abusivo è esplosa la bagarre, finita con due arresti. Sul posto con il presidio delle forze dell’ordine, polizia e carabinieri, anche il sindaco di Guidonia con il suo numero due. “La soluzione migliore è spostare la comunità rom in un altro terreno cooinvolgendo asl e prefettura” ha detto in un video Barbet. “Abbiamo fatto ordinanza che riguarda sgombero e divieto di stazionamento – ha spiegato poi Russo – essendo qui un campo abusivo la materia è più complessa, ma noi non ci siamo mai fermati ma la burocrazia è lunga e i tempi sono quelli che servono per fare bene questo sgombero. Noi siamo per riqualificare questo territorio non vogliamo che resti il degrado, chiediamo un supporto da parte di chi vive qui, di avere pazienza”. 

Ma il tempo è scaduto per la Lega, a sentire il coordinatore Alessandro Messa: “La protesta esplosa ieri, all’Albuccione, dopo l’ennesimo furto in pochi giorni, era stata ampiamente preannunciata. Da tempo i residenti denunciano la presenza di un accampamento abusivo rom e i disagi che questa presenza comporta alla collettività. Tra l’altro, le dichiarazioni del sindaco Barbet e del vicesindaco Russo hanno lasciato perplessi i più. C’è il solito invito ad avere pazienza e, il sindaco, ha sorprendemente affermato in un video che individuerà un altro terreno nel quale delocalizzarli. E’ evidente che non si rendono conto che ci sono spazi ed aree del comune nei quali i residenti non possono più avvicinarsi. I cittadini sono ostaggio di prepotenti che sembrano non avere timore di nulla. Le ridicole risposte finora prodotte da Barbet non sono andate oltre all’emissione di Ordinanze di sgombero puntualmente disattese. È arrivato il momento di riprenderci il nostro territorio, che oggi è in balia di chi non ha alcuna intenzione di integrarsi. Chiediamo al Sindaco di interfacciarsi con il Prefetto, e si proceda ad un censimento di tutti gli insediamenti rom a Guidonia, con i relativi presenti. Avremo un quadro preciso della situazione, per poi procedere agli sgomberi dei campi abusivi a partire da quelli che sono presenti nei centri cittadini, ove più gravi sono le situazioni di illegalità e degrado, con enorme pericolo per ordine e la sicurezza pubblica”.

LEGGI ANCHE – Albuccione, campo rom: scoppia la tensione

LEGGI ANCHE – Albuccione, raid punitivo contro rom dopo furto

LEGGI ANCHE – Guerriglia urbana Albuccione, i controlli