Sfidano il caldo e la piazza, i cittadini che mercoledì 17 luglio alle 10 si ritroveranno sotto le finestra del sindaco Michel Barbet per protestare contro la chiusura delle delegazioni. I comitati spontanei nati a Villanova e Montecelio hanno già portato in un presidio più di cento persone, ma da quel momento nonostante le generiche promesse non è accaduto nulla se non un peggioramento, visto che la delegazione di Villanova ha chiuso i battenti. L’esasperazione monta insieme all’afa, il taglio dei servizi territoriali si unisce a una serie di mancanze che gravano ormai sulla città in lungo e in largo. Il caso di Montecelio è un simbolo: degrado e porte sbarrate ovunque. Teatro, biblioteca, giardini pubblici. Luigino Marozzi e Filippo Silvi, portavoce dei due comitati, avevano chiesto al sindaco un atto concreto di risposta alle richieste, rafforzate da 1.500 firme raccolte. Dal palazzo però non è giunto alcun segnale. Così non resta che tornare in piazza per una grande manifestazione di protesta.