I carabinieri hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro patrimoniale, emesso ai sensi del testo unico Antimafia dal tribunale di Roma su richiesta della procura di Tivoli, nei confronti di un 45enne di Mentana, pregiudicato per stupefacenti e attualmente detenuto ai domiciliari. Le indagini patrimoniali hanno consentito di accertare che l’uomo, arrestato il 2 ottobre 2018, con altre 17 persone, in esecuzione di una misura cautelare nell’ambito dell’operazione “I soliti noti” poiché ritenuto responsabile di un ingente traffico di sostanze stupefacenti, avesse la disponibilità di beni il cui valore è risultato sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati al fisco, tali da farne presumere la provenienza illecita. Sono stati sottoposti a sequestro, ad opera dei carabinieri di Monterotondo, un immobile in via Santa Monachesi a Mentana; le quote di una società a responsabilità limitata proprietaria di un bar di Guidonia, in via Valle dell’Aniene; quattro veicoli; tre conti correnti e due depositi postali. Valore complessivo: oltre 400mila euro. La misura patrimoniale costituisce l’ultimo atto di una complessa indagine che ha portato nel corso del 2018, tra Fonte Nuova, Mentana e Monterotondo, all’arresto complessivamente di 40 persone per violazione della normativa in materia di stupefacenti ed al sequestro di 500 grammi di cocaina, nonché di 17.000 euro in contanti. RedCro