Da record il livello di precarietà del governo di Guidonia Montecelio: si è dimesso questa mattina l’assessore alle Finanze Alessandro Alessandrini dopo settimane di conflitti con la maggioranza cinque stelle. Chiamato a tenere in piedi il Palazzo dopo l’anno di commissariamento che aveva avviato il risanamento dei conti e il piano di riequilibrio decennale, Alessandrini è stato apprezzato più all’esterno che dai suoi. Si intende cioè che la compagine governativa cinque stelle soprattutto negli ultime mesi ha storto il naso rispetto alla gestione dei conti dell’assessore poco contento anche della narrazione che la truppa pentastellata racconta a beneficio della città. Le dimissioni di Alessandrini, insomma, non sono uno choc, se ne parla nelle indiscrezioni da un paio di mesi. L’uscita di scena dell’assessore e della dirigente alle Finanze Lombardi che a breve si sposterà in altro Comune, sono da giorni un dato assodato. Da due anni c’è un giro di poltrone in Giunta da far girare la testa, ma questa volta (senza nulla togliere agli ex colleghi) è un vero pilastro dell’amministrazione a lasciare il sindaco, in una fase – tra l’altro – molto delicata, considerati i richiami della Corte dei Conti e un bilancio che i cinque stelle hanno voluto chiudere su operazioni (vendita degli immobili comunali) che è quasi impossibile che ci saranno.

Il sindaco Michel Barbet, dal canto suo, sceglie la linea tenuta ormai di fronte a qualsiasi crisi interna, incluse le recentissime dimissioni del consigliere Stefano Bufalieri. Dichiarazioni in cui la polvere si mette a fatica sotto il tappeto. “Ringrazio Alessandro per l’enorme lavoro che ha svolto con coraggio e competenza fino all’ultimo minuto del suo mandato, e specificatamente nella gestione efficace del piano di riequilibrio che conferma la serietà del suo e del nostro operato.
Alessandro Alessandrini è stato un mio assessore dalla prima ora, e non è facile quindi per me dover fare a meno di un caposaldo della nostra amministrazione. Allo stesso tempo, voglio rassicurare i cittadini che dato l’ampio margine di tempo che ho avuto per pensare ad una sua sostituzione, a brevissimo darò le deleghe finanziarie ad una persona che ho già individuato e che continuerà l’opera di risanamento intrapresa nel migliore dei modi”. Secondo i rumors il nome che potrebbe entrare in gioco per le finanze è quello di Carlo Alberto Pagliarulo, presidente Acsel e fino al 2015 vice ragioniere generale al Comune di Roma.

LEGGI ANCHE – Bilancio tutti contro Alessandrini, assessore sempre più autonomo