Risse, schiamazzi, percezioni di pericolo, un quartiere che è ostaggio del degrado: la soluzione per la capogruppo leghista di Guidonia Arianna Cacioni è portare l’esercito a Villalba, la proposta andrà nel prossimo consiglio comunale. A sollevare il vespaio, l’ennesima rissa in strada questa notte: “L’immobilismo e l’indifferenza della politica di questa città, ha trasformato nell’ultimo decennio un quartiere da sempre popoloso e problematico, in un vero e proprio far west. È il momento di dire basta, i timidi rimedi e gli appelli all’integrazione evidentemente non servono. Serve, invece, un intervento serio che riporti ordine e regole in quella che è diventata terra di nessuno”.

Ecco perché Cacioni chiede che il sindaco attivi con urgenza i progetti speciali capaci di potenziare la presenza delle forze dell’ordine sul territorio. “Nel corso del prossimo Consiglio Comunale presenterò un atto di indirizzo affinché anche il Comune di Guidonia Montecelio richieda l’adesione all’operazione “Strade sicure”, il progetto del Ministero della Difesa che porta le risorse dell’Esercito a presidio di zone particolarmente critiche dal punto di vista della sicurezza. Un passo necessario considerata la cronica carenza delle risorse di Polizia di Stato e Carabinieri rispetto all’estensione, la popolosità e le condizioni di forte criticità di una Città grande come Guidonia Montecelio”. L’operazione strade sicure nasce nel 2008 con il governo Berlusconi proprio a sostegno della pubblica sicurezza. “Chiederò anche che vengano individuati siti di perlustrazione e pattugliamento che includano tutti i quartieri cittadini, non meno gravi sono, infatti, le situazioni che riguardano le altre circoscrizioni, afflitte da furti d’auto e nelle abitazioni con cadenza quotidiana e da effrazioni nelle aziende e da taccheggi negli esercizi commerciali. Sui fatti accaduti, inoltre, la Lega presenterà un’interrogazione parlamentare al Ministro competente”.