Seminari informativi, laboratori di caseificazione, tessitura della lana e molto altro per la valorizzazione e la conoscenza delle aree storicamente interessate dalle pratiche della transumanza, al Santuario di Ercole Vincitore arriva Storie di transumanza e dei. Sabato 8 giugno la giornata-evento ad ingresso libero organizzata dall’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este – Villae per ricordare il complesso fenomeno di migrazioni stagionali di genti e animali, che ha costruito in una storia millenaria interi paesaggi dell’Italia Centro Meridionale.

“Abbiamo voluto questa giornata – commenta il direttore delle Villae, Andrea Bruciati – perché il nostro Istituto rappresenta un sistema articolato estremamente complesso, fuso con l’ambito paesaggistico in cui insiste e vive. Diamo grande importanza al sistema unico valoriale di questi luoghi che presentano delle caratteristiche morfologiche ambientali e una stratificazione antropologica che ritengo incomparabile. Paesaggi comuni alla civiltà della transumanza possono essere pertanto guardati come risorsa, per promuovere uno sviluppo eco-sostenibile del territorio atto a rafforzarne l’identità”.

Per l’occasione saranno messi in mostra materiali archeologici inediti legati alla cultura pastorale provenienti dalle collezioni del Santuario di Ercole Vincitore e capi di abbigliamento popolare del Molise. Tra i vari contributi la presentazione di Pecus, progetto finalizzato al recupero e alla valorizzazione dei tracciati tratturali e più in generale di molti segni, materiali e immateriali, della cultura della transumanza. vigi.

Di seguito il programma di Storie di transumanza e dei

Ore 10, Triportico

Saluti istituzionali: Andrea Bruciati (Direttore Istituto Autonomo Villa Adriana e Villa d’Este – Mibac), Leandro Ventura (Direttore Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia – Mibac), Antonio Rosati (Presidente Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura nel Lazio), Emilia Vitullo (Museo dei Costumi del Molise, Presidio Turistico e Culturale della Provincia di Isernia), Nicola Di Niro (Direttore dell’Agenzia per lo Sviluppo Rurale – AsvirMoligal, Capofila del progetto di cooperazione transnazionale per la candidatura delle vie e della civiltà della transumanza a patrimonio materiale e immateriale dell’Umanità Unesco).

Ore 11 

Interventi: 

11-11.15: Sessione poster, nn.1-3: L. D’Alessandro – C. Guiso – S. Del Ferro, Ercole. Un eroe, molte declinazioni; E. Paolini, La Crocetta: un sito appenninico lungo il corso dell’Aniene; E. Paolini, La facies appenninica. 

11.15-11.35: Rosanna Tuteri (Soprintendenza Archeologia,Belle Arti e Paesaggio dell’Abruzzo),Cammini. Spazi e tempi oltre l’Abruzzo antico.

11.35-11.50: Sessione poster, nn. 4-6: F. Roncoroni, Transumanza e alpeggio, N. Bianchi – J. Masson, Le incisioni rupestri preistoriche del Monte Bego (Alpi Marittime, Francia) e il pastoralismo d’alta quota; S. Bassi, Incisioni e pastorizia in alta quota. Etnografia e arte rupestre in Val Brembana (Bergamo).

11.50-12.10: Roberta de Iulio, I tratturi: dalla memoria storica al riuso compatibile

Ore 12.10: interazione

12.30-14: pausa con degustazione di prodotti legati al mondo della pastorizia – Slow Food Tivoli e Valle dell’Aniene.

Ore 14 

Interventi:

14-14.15: Sessione poster, nn. 7-9: M. Angle – C. Mengarelli, Vie di animali, vie di uomini. Il sistema economico pastorale tra la protostoria e il medioevo nell’agro romano; M. Angle, Antichi dei; S.Del Ferro – I culti cristiani del mondo pastorale nel Medioevo.

14.15-14.30: Francesca Romana Del Fattore (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città dell’Aquila e i comuni del cratere), Presentazione del Progetto Pecus (PEscasseroli Candela Uplands Survey)

14.30-14.45: Simone Bozzato (Università di Roma Tor Vergata e Società Geografica Italiana), Territori in movimento tra itinerari culturali e turismo di comunità.

14.45: Interazione

15.00:  dimostrazioni di etnoarcheologia, artigianato della produzione e archeologia sperimentale a cura di Paleoes-EXTAD, Museo dei Costumi del Molise e Slow FoodTivoli e Valle dell’Aniene negli spazi del Triportico:

Bene pascere, Laboratorio-passeggiata nel verde dei Votani del Santuario di Ercole Vincitore, con raccolta di erbe spontanee (Stefano Valente, Università di Roma Tor Vergata)

Ore 15.30 e 17.30: Laboratorio di intreccio fibre vegetali (Paleoes-EXTAD). Dimostrazione di tintura della lana (Museo dei Costumi del Molise).

Ore 16.30: Laboratorio di tessitura della lana con telai (Paleoes-EXTAD). Dimostrazione di tessitura della lana e inserimento sui costumi tradizionali (Museo dei Costumi del Molise). Dimostrazioni di caseificazione: La storia che ritorna: racconti di transumanza di Massimo Antoninie Laboratorio del Gusto sulla caseificazione con Vittorio Moretti (Slow Food Tivoli e Valle dell’Aniene). Dimostrazione “L’ornamento della sposa con i gioielli: segni e simboli della gioielleria popolare antica del Molise” (Museo dei Costumi del Molise, a cura di Antonio Scasserra).

Ore 17: laboratorio di realizzazione a colombino di modelli di facies appenninica (Elisa Paolini). Dimostrazione di disegno e ricostruzione di materiali della facies appenninica (Paleoes-EXTAD). Dimostrazione di scheggiatura della pietra (Paleoes-EXTAD).