Dopo Open Huose, che lo scorso week end ha permesso ai più curiosi e agli appassionati di architettura di entrare in alcune delle più esclusive ed eclettiche case della Capitale, arriva in città Cortili Aperti. Sabato 18 e domenica 19 maggio torna l’appuntamento annuale che dal 1996, grazie alla sezione Lazio dell’Adsi, permette di visitare i più importanti cortili dei palazzi storici romani completamente a titolo gratuito. Tantissime le dimore storiche che anche quest’anno aderiranno a Cortili Aperti, luoghi solitamente non accessibili al pubblico che hanno mantenuto il loro splendore grazie alla continua attività dei proprietari che, con dedizione e cura, si occupano di salvaguardare quella che è oggi una vera e propria ricchezza per la collettività. vigi.

Segue l’elenco delle dimore che aderiscono all’iniziativa

Palazzo Avila, via del Governo Vecchio 14;

Palazzo Berardi Guglielmi, via del Gesù 62;

Palazzo Boncompagni Cerasi, via del Babuino 51;

Palazzo Caetani, via delle Botteghe Oscure 32;

Palazzo Capponi Antonelli, via Monserrato 34;

Palazzo Cenci, piazza de’ Cenci 56;

Palazzo Cisterna, via Giulia 163:

Palazzo d’Aste, via Monserrato 149;

Palazzo del Drago, via dei Coronari 44;

Palazzo del Gallo, piazza Farnese 44;

Palazzo della Valle e sala Serpieri, Corso Vittorio Emanuele II 101;

Palazzo Gomez Silj, via della Croce 78/A;

Palazzo Grazioli, via del Plebiscito 102;

Palazzo Malvezzi Campeggi, via del Consolato 6;

Palazzo Massimo Lancellotti, piazza Navona 114;

Palazzo Montoro, via di Montoro 8;

Palazzo Odescalchi, piazza Santi Apostoli 80;

Palazzo Pamphilj, piazza Navona 14;

Palazzo Pasolini dall’Onda, piazza Cairoli 6;

Convento Pio Sodalizio dei Piceni, piazza San Salvatore in Lauro 15;

Palazzo Sacchetti, via Giulia 66;

Scuderie e Palazzo Ruspoli, via Fontanella Borghese, 56/B;

Palazzo Sforza Cesarini, corso Vittorio Emanuele II 284;

Palazzo Sterbini, via del Banco di Santo Spirito 30;

Palazzo Taverna, via di Monte Giordano 36;

Palazzo Torlonia, via Bocca di Leone 78.