Proietti

Ad un mese dall’arrivo della primavera, ed in corrispondenza della Pasqua e del Natale di Roma, riapre al pubblico il Roseto comunale, un piccolo eden ai piedi dell’Aventino, spettacolo di profumi e colori. Da domenica 21 aprile cittadini e turisti potranno così avere accesso gratuitamente ad uno spazio incantevole che ospita oltre mille varietà di rose botaniche, antiche e moderne provenienti da tutto il mondo, dall’Estremo Oriente al Sud Africa, dalla Nuova Zelanda fino alle Americhe.

Una collezione prestigiosissima quella del Roseto comunale di Roma che vanta, tra gli esemplari coltivati al suo interno, anche specie primordiali poco conosciute risalenti a 40 milioni di anni fa. L’offerta del Roseto permette così di tracciare una linea retta tra presente e passato e fare luce sulla storia e sull’evoluzione della rosa dall’antichità ai giorni nostri.

Il Roseto rimarrà aperto fino al 16 giugno tutti i giorni dalle 8 e 30 alle 19 e 30 ad eccezione di sabato 18 maggio, unico giorno di chiusura al pubblico, durante il quale si svolgerà il Premio Roma, rinomato concorso internazionale per nuove varietà di rose ottenute da ibridatori stranieri e italiani. A partire dal 19 maggio verrà poi aperta al pubblico anche l’area concorso che include un percorso tattile e olfattivo dedicato ai non vedenti. All’interno del Roseto è inoltre possibile usufruire di visite guidate ad un costo che oscilla dai 3 fino ai 7 euro e portare con sé anche cani di piccola taglia, obbligatoriamente al guinzaglio.

Virginia Gigliotti


Tropiano Lega