Dal 25 al 28 aprile un evento gratuito in tutto il Lazio per visitare 80 siti nelle 5 province  con spettacoli e percorsi enogastronomici. Dopo il grande successo della prima giornata di apertura delle dimore storiche del Lazio che ha accolto 10.000 visitatori lo scorso anno, la Regione Lazio ha ideato una nuova iniziativa per dare a tutti l’opportunità di visitare l’immenso patrimonio di dimore, ville, parchi e giardini storici del territorio, decine di luoghi di grande fascino e incanto. Tra queste la Casa Gotica di Tivoli (via del Colonnato, via Campitelli) che sarà aperta solo 28 aprile dalle ore 11.00 alle 18.00, massimo 20 persone ogni ora.

Quattro giornate di apertura straordinaria e gratuita con un ricco programma di spettacoli e percorsi di scoperta delle tipicità enogastronomiche del territorio. L’iniziativa è realizzata con il supporto di Lazio Innovae la collaborazione di ATCL – Associazione Teatrale fra i comuni del Lazio, ARSIAL – Azienda Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura nel Lazio, Agro Camera, I.R.Vi.T. – Istituto Regionale Ville Tuscolane, Associazione Dimore Storiche Italiane e Associazione Parchi e Giardini d’Italia.

La “Rete delle dimore storiche del Lazio” è stata costituita nel 2017 in applicazione della Legge regionale n. 8 del 2016. Ai 109 siti pubblici e privati selezionati attraverso il primo avviso pubblico, si sono aggiunti quest’anno 21 nuovi luoghi per un totale di 130 tra castelli e complessi architettonici, monasteri, chiese e conventi, palazzi e dimore storiche, parchi e casali.

Dal 25 al 28 aprile, cittadini e turisti potranno percorrere il territorio regionale da nord a sud e visitare gratuitamente 80 siti. Gli orari e le modalità di visita sono differenti, la prenotazione è obbligatoria. Per consultare l’elenco e avere info complete basta visitare il sito www.retedimorestorichelazio.it.

“Da alcuni anni stiamo mettendo al centro delle politiche culturali anche il paesaggio e il valore del patrimonio. Non esiste angolo del pianeta, come nel Lazio, che ha la stessa concentrazione di beni. Non c’è solo Roma. Da qui tutte le politiche che abbiamo avviato, come la legge Valentini che individua le dimore storiche anche private come elemento di valorizzazione. Intanto nella rete entrano altri 21 gioielli che porta a 130 il numero dei siti – parole del presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: l’importante è averli censiti, e pubblicheremo dei libri sull’argomento. Questi luoghi faremo in modo di valorizzarli, perché al loro interno si possa riprodurre con l’arte e i prodotti enogastronomici quell’unicum così importante”.

Tropiano Lega