A 19 anni al centro di una fitta rete di spaccio di hashish e marijuana con base a Tor Lupara. Questa le accuse mosse al ragazzo dal gip del tribunale di Tivoli che, sulla scorta delle indagini svolte, ha emesso nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. Il provvedimento è stato eseguito dai carabinieri della sezione operativa della compagnia di Monterotondo. Al ragazzo, già noto alle forze dell’ordine e già arrestato a novembre 2018, è stato contestato il reato di detenzione aggravata e continuata ai fini di spaccio di stupefacenti. Le indagini hanno consentito di accertare che aveva organizzato a Tor Lupara una fitta rete di spaccio di marijuana e hashish, clienti giovani del posto, alcuni anche minorenni. Le cessioni, che sono continuate anche dopo l’arresto e che superavano anche le 10 al giorno, avvenivano spesso nei pressi di via Machiavelli e vie limitrofe. Il giovane è stato tradotto presso il proprio domicilio in regime di arresti, a disposizione dell’autorità giudiziaria  di Tivoli. RedCro