Piazza Garibaldi tra striscioni e volantini per l’arrivo del Ministro della Famiglia Lorenzo Fontana a Tivoli. Giovedì difficile per la città, con il centro diviso tra chi andava a vedere e sentire il volto della Lega in quel di Largo Chigi 19, e chi manifestava contro. A riunirsi nel pomeriggio di ieri le associazioni 8marzo2012 e Rete Rosa di Tivoli e Noi Lilith di Castel Madama e Ciciliano “per dire NO al Decreto Pillon e all’idea della famiglia proposta dal Ministro”.

Manifestini alla mano i partecipanti alla manifestazione hanno indicato sei punti critici sul disegno di legge che vanno dalla assenza di tutele contro la violenza in famiglia al mancato riconoscimento giuridico nei confronti di chi si sottrae dal versamento dell’assegno di mantenimento. 

Presente anche Art 1-Mdp area tiburtina, con il coordinatore, Gabriele Simonelli. “Siamo in piazza con le associazioni femministe tiburtine per ribadire che i diritti delle donne sono conquiste irrinunciabili, e Tivoli non ha bisogno della propaganda oscurantista della lega e del ministro Fontana, ma di potenziare i servizi territoriali di sostegno alle donne – dichiara Simonelli -. Il consultorio, il centro antiviolenza e una vera casa delle donne da aprire, di questi argomenti bisognerebbe parlare in campagna elettorale e dire che questi servizi oggi come oggi sono insufficienti e vanno, oltre che salvaguardati, resi più efficienti e ampliati nell’offerta in modo da fornire supporto e ascolto a quante più donne possibili sul territorio”. 

Anna Laura Consalvi