Dei controlli e relative sanzioni non si ha notizia, nonostante le ripetute richieste al sindaco di Guidonia della consigliera di FdI Giovanna Ammaturo e intanto il fenomeno dilaga. Frutta e verdura per terra a disposizione dello smog e della sporcizia dell’asfalto.

“Una inquietante normalità sulle strade non solo della terza città del Lazio ma di centinaia di Comuni. La salute dei cittadini – dice Ammaturo – è un bene fondamentale. Vedere i carciofi in terra sui marciapiedi e sull’asfalto stradale non è giustificabile né comprensibile. Oltre ai gas di scarico, la polvere in cui si ritrovano decine di spore di milioni di batteri uniti alle troppe mani che toccano la merce in vendita: è inaccettabile. Per certi negozi non ci sono regole mentre al contrario in tanti altri non mancano una miriade di controlli”.

La consigliera insiste, bisogna agire: “Mi auguro che il nuovo assessore all’Ambiente, Manuela Bergamo, che nella vita è maresciallo dei Carabinieri della Forestale prenda a cuore la salute dei cittadini ed intervenga in maniera adeguata e che tutti i commercianti siano monitorati nello stesso modo”.