Sono saliti a 15 gli arresti dei carabinieri bell’ambito dell’operazione antidroga “Torre 18” che ieri ha visto il blitz degli uomini dell’Arma in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma per 13 persone accusare di aver fatto del palazzone popolare di via Rosata 18 una vera centrale di spaccio di cocaina, grazie ad una rete di pusher organizzati per turno di lavoro. 

Nel corso delle fasi esecutive per la notifica del provvedimento, che ha portato otto persone in carcere e cinque ai domiciliari, i carabinieri della compagnia di Tivoli hanno fatto scattare le manette per altre due persone, destinatarie di perquisizioni perché ritenute vicine all’organizzazione, trovate in possesso di hashish, rispettivamente di 200 grammi e di circa 20. A casa di uno dei destinatari dell’ordinanza, invece, sono stati trovati e sequestrati ulteriori 100 grammi di cocaina. RedCro