“Non è un fatto grave”, è la risposta che si sono sentiti dare i cittadini di Guidonia che hanno chiesto un incontro al sindaco Michel Barbet per la strada franata e il crollo del muro di contenimento in via Luigi Mariotti. Il sindaco cinque stelle ha negato il colloquio attraverso lo staff “perché non lo ritengono un fatto grave – racconta una residente – ora mi chiedo, in base a cosa stabiliscono la gravità dei fatti?”.

La frana è avvenuta il 28 gennaio e ha portato via un pezzo di strada e il muro di contenimento alto tre metri. Una tragedia sfiorata, a poca distanza dalle case, una ha oggi i sigilli alle scale esterne, ed è quindi impossibile accedervi. Ed è un danno annunciato visto che le segnalazioni dei cittadini a maggio scorso avevano portato a transennare il tratto senza però ulteriori interventi. Nessun controllo, l’area è stata abbandonata dall’amministrazione. Dopo il crollo del 28 gennaio il Comune di nuovo è sparito, ancora nessuno interviene. Per questo la necessità di parlare con il sindaco che si è negato. “Qui ci sono crepe che potrebbero franare. Se il sindaco è un cittadino perché non possiamo parlare con lui?”.