Proietti

C’è grande attesa per l’uscita nel piccolo schermo della fiction Il nome della rosa, adattamento televisivo del capolavoro della letteratura italiana di Umberto Eco. La serie andrà in onda ogni lunedì su Rai1 a partire dal 4 marzo e sarà suddivisa in otto episodi raggruppati in quattro puntate.

Ideata e diretta da Giacomo Battiato, Andrea Porporati e Nigel Williams, la serie ha goduto, all’inizio della sua creazione, della supervisione di Umberto Eco in persona, prima della sua scomparsa nel 2016. 

Il nome della rosa vanta di un cast stellare, tra grandi attori internazionali e nostrani. Guglielmo da Baskerville, il protagonista della vicenda, ambientata nel 1327, sarà interpretato da John Turturo, mentre l’inquisitore Benard Gui da Rupert Everett. Tra i famosissimi vedremo anche Sebastian Koch, James Cosmo, direttamente dal set de Il trono di spade, Michael Emerson di Lost e Richard Sammel di Bastardi senza gloria.

Non mancheranno però volti noti del cinema italiano come Fabrizio Bentivoglio, Greta Scarano, Stefano Fresi e Piotr Adamczyk. Tra i protagonisti, vista la co-produzione italo-tedesca tra Tele Muenchen11 Marzo Film, Palomare RaiFiction, Damien Hardung, attore tedesco emergente che rivestirà i panni di Adso de Meli, il discepolo del protagonista.

Il romanzo di Eco, pubblicato per la prima volta nel 1980, suscitò subito grande entusiasmo sia nel pubblico che nella critica vincendo nel 1981 il Premio Strega ed entrando successivamente tra “I 100 libri del secolo” per Le Monde. Anche il film, uscito nel 1986 e diretto da Jean-Jacques Annuad con Sean Connery nei panni di Guglielmo e Christian Slater in quelli di Adso, fu di grande successo vincendo duePremi Bafta, un Premio César e cinque David di Donatello.

Virginia Gigliotti

Tropiano Lega