L’eco della vittoria del centrodestra in Abruzzo non solo arriva fino a Tivoli, ma genera l’immediata reazione di Vincenzo Tropiano, candidato sindaco della Lega, per ora senza Forza Italia e FdI. La performance della coalizione che è tornata unita nella competizione regionale, ha premiato Marco Marsilio, il senatore di Fratelli d’Italia che diventa presidente con il 48% dei voti. Una debacle per i cinque stelle che perdono più della metà dei voti, non raggiungendo il 20% e classificandosi terzi dopo il centrosinistra. La prova in Abruzzo è una spinta a Tivoli dove con le europee in primavera, si voterà anche per il Comune. Tropiano è in pista con la Lega senza avere ottenuto – al momento – il sostegno dei potenziali alleati forzisti e meloniani.

“La vittoria di Marco Marsilio, neo presidente della regione Abruzzo al quale faccio i miei complimenti, dimostra che il centrodestra se unito può vincere e governare insieme. I risultati abruzzesi, oltre a confermare la Lega come azionista principale della coalizione che raggiunge percentuali importanti – spiega Tropiano – ci dicono che l’unione è la sintesi più efficace e il principale comune denominatore che può portare il centrodestra verso nuovi traguardi elettorali. All’orizzonte ci attendono nuove elezioni amministrative locali, tra cui il Comune di Tivoli che andrà al voto a maggio prossimo in concomitanza con l’Europarlamento. Auspico quindi che tutto il centrodestra possa andare unito e compatto a questa importante scadenza, i cittadini ci chiedono una marcia in più rispetto a quanto fatto dall’amministrazione Proietti in questi anni. La Lega è già in campo e insieme a tutta la coalizione è possibile fare un risultato sopra le aspettative”. redpol.