Le fatture sono ferme in ragioneria dove si sta pagando “in ordine cronologico”. Il vicesindaco Davide Russo rassicura che “l’asilo comunale di Guidonia Montecelio non chiuderà” ma bacchetta la società, “gli utenti non vanno coinvolti”: appuntamento alla prossima settimana per i chiarimenti. L’allarme è stato lanciato prima dai genitori e poi oggi dalla politica di opposizione, che ha confermato: senza i 60mila euro di fatture pagate, niente stipendi alle maestre e quindi stop al servizio del Giardino di Elisa.

“Vorrei rassicurare le famiglie che l’asilo nido non chiuderà per alcun motivo. Visto che il servizio si sta svolgendo regolarmente – dice Russo – e visto che il codice degli appalti prevede che in pendenza di stipula del contratto, con l’affidamento operato in conformità a quanto stabilito agli atti di gara i rapporti tra stazione appaltante e affidatario sono regolari”.

Sul fronte delle fatture, gli uffici dei servizi sociali, specifica l’assessore hanno liquidato, ora sta alla ragioneria concludere il procedimento. “Per quanto riguarda i pagamenti le fatture rendicontate dal gestore sono state liquidate e comunque ritengo che tutte le criticità debbano essere discusse tra gli uffici comunali e il gestore evitando di coinvolgere gli utenti del servizio. Pertanto – conclude Russo – la società verrà convocata per la prossima settimana per discutere su tali questioni e chiarire eventuali malintesi che si sono verificati”.