“Pronti a contribuire alle necessità della scuola e delle famiglie”. Il Centro per la valorizzazione del travertino romano dopo un incontro con la dirigenza scolastica dell’istituto Montelucci di Guidonia Montecelio ha formalizzato l’intenzione di donare materiali ai due plessi nei quartieri di Colle Fiorito e Albuccione. L’iniziativa è nata dopo le recenti proteste delle mamme sul fronte della sicurezza e delle condizioni delle strutture. Dopo l’appello di Emanuele Di Silvio che ha chiesto agli imprenditori di Guidonia di farsi avanti per sopperire alle mancanze del Comune, le aziende del travertino hanno prima incontrato i genitori, insieme al consigliere del piddì, e poi la preside. “Nel confronto avuto con la dirigente scolastica è stata espressa la volontà di mettere a disposizione una nuova recinzione in metallo per la scuola di Albuccione nonché di fornire la pavimentazione esterna per il plesso di Colle Fiorito che risulta disconnessa e quindi pericolosa. Tuttavia – spiegano – è chiaro che per poter procedere serve prima il benestare dell’amministrazione di Guidonia. Il nostro unico obiettivo, ci teniamo a sottolinearlo, è quello di rafforzare il legame con la comunità attraverso azioni che siano il segno tangibile di un impegno che, oltre allo sviluppo e all’occupazione, può e deve essere sempre di più una risorsa per tutta la città. In questa ottica il Centro per la Valorizzazione del Travertino Romano ha anche partecipato alla raccolta fondi per l’acquisto di un defibrillatore pubblico per la città di Guidonia Montecelio promosso dall’associazione Airte”.

“Siamo soddisfatti: la disponibilità del Centro per la Valorizzazione del Travertino Romano, sommata al grande impegno dei genitori degli alunni, permetterà finalmente alla scuola di Colle Fiorito di avere una nuova pavimentazione esterna e al plesso dall’Albuccione di veder montata una nuova recinzione”. Così commenta il promotore Di Silvio: “L’ufficialità di questa donazione rappresenta un primo, importante risultato raggiunto a favore della sicurezza degli studenti di due delle principali scuole del nostro comune. Un grazie agli imprenditori per aver accolto questa richiesta di sostegno, e un grazie ai genitori degli alunni per aver combattuto questa battaglia per la sicurezza dei propri figli. Adesso mi auguro che l’amministrazione avvii immediatamente l’iter necessario per una celere realizzazione degli interventi”.