Anastasio, della categoria under uomo capitanata da Mara Maionchi, è il vincitore dell’edizione 2018 di X Factor. Vince la grinta, il ritmo del rap e la rabbia insita nelle parole dell’artista sorrentino che sin dalle audizioni ha convinto pubblico e giudici.

Una bella scommessa quella della giudice Maionchi che ha creduto sulla potenza delle parole e sull’interpretazione piuttosto che su una semplice bella voce. Un’edizione, la dodicesima, che ha dato più volta riprova del fatto che per vincere il talent non sia sufficiente essere un usignolo, ne sono esempio l’eliminazione di Sharol Dos Santos e Martina Attili che hanno dovuto lasciare il palco rispettivamente durante il sesto e il settimo live.
All’ultimo appuntamento, che si è tenuto al Mediolanum Forum di Assago, si sono presentati i Bowland, Anastasio, Luna e Naomi, un cantante a testa per ogni giudice, insieme a tanti ospiti nostrani, i Thegiornalisti, Marco Mengoni e Ghali, e internazionali, i Muse.

La finale si è sviluppata in tre manche, la prima, in cui i cantanti si sono esibiti in duetto con Mengoni, vincitore del talent nel 2009, la seconda durante la quale i superstiti hanno portato sul palco un madley delle tre canzoni più riuscite all’interno del programma, e la terza, che ha determinato il vincitore, con l’esecuzione degli inediti.
Sono i Bowland ad abbandonare la finale per primi dopo il duetto con Mengoni.
Ad aprire invece la manche a tre è stato Anastasio con una reinterpretazione di Elisa, De Gregori e Pink Floyd.
A seguire si è esibita Luna con il suo best of composto da “God Is A Woman”, I” Do, Blue Jeans” e “Mica Van Gogh” seguita da Naomi che ha portato sul palco un versione mozza fiato di “Bang Bang”, “Look at Me Now”, “Never Enough”.
Anastasio e Naomi sono stati i protagonisti dello scontro finale e l’inedito del rapper ha sbaragliato la concorrenza.
Virginia Gigliotti

gioco d'azzardo dipendenza