Il bando lo vincono consiglieri di maggioranza e candidati cinque stelle: il nuovo gruppo comunale di Protezione civile di Guidonia Montecelio è nelle mani del capogruppo Giuliano Santoboni e a seguire. Una determina quasi incredibile da leggere, la numero 88 del 7 dicembre firmata dal comandante della polizia municipale Marco Alia che mette nero su bianco l’elenco delle domande ammesse per la costituzione, come da regolamento, del gruppo di protezione civile comunale. Il bando è stato pubblicato il 20 giugno scorso in piena amministrazione cinque stelle. Si presentano in undici, alcuni blasonati visto che ci sono due consiglieri comunali di maggioranza, Santoboni e Loredana Terzulli, senza considerare i candidati o i parenti dei candidati, Luca Stancapiano rimasto fuori con 20 voti e Maurizio Celani, 24 voti, primo dei non eletti ma entrato nella gestione della palestra comunale di Setteville. Ma non mancano i consorti, tra i promossi anche la moglie di Santoboni e una congiunta del candidato. Degli undici aspiranti solo uno viene escluso: passano i cinque stelle ma resta fuori Costanzo Di Paolo, fondatore della protezione civile a Guidonia, da decenni e per decenni volto dei volontari in città. Ma sono promossi i dieci, il movimento fa la parte del leone. Promotrice del bando è stata l’assessore Tiziana Guida che a giugno, con l’enfasi del caso, annunciava l’importanza della nascita del gruppo dei volontari che andranno a stare in stretto contatto con il sindaco e gli assessori, facendo da cerniera con le associazioni di protezione civile. Tra i requisiti richiesti, l’esperienza nel campo di interventi in situazioni emergenziali: Di Paolo fuori, dentro Santoboni. D’altronde, nell’epoca del cambiamento, si gioca in casa. geape.