I carabinieri della stazione di Roma Settecamini coordinati dalla compagnia di Tivoli e sotto l’egida della procura, lo scorso pomeriggio, in via di Salone, nei pressi di una nota società di spedizioni hanno arrestato con l’accusa di truffa, una coppia, lui di 30 anni, già sottoposto agli arresti domiciliari, e lei di 42 anni.
In particolare la coppia, dopo aver effettuato alcuni ordini di merce, presso società italiane specializzate in forniture idrauliche e forniture di elettrodomestici, del valore complessivo di 3400 euro, è stata contattata telefonicamente dalla ditta di trasporti che li invitava, previo pagamento dei contrassegni in denaro contante, al ritiro del materiale ordinato presso il loro deposito di spedizioni. A questo punto i truffatori, hanno inviato alla ditta di trasporti delle false attestazioni, con carta intestata delle società dove avevano effettuato l’ordine, con le quali si autorizzavano falsamente al ritiro della merce. All’atto della consegna però i due hanno avuto un’amara sorpresa perché ad aspettarli hanno trovato i carabinieri che li hanno arrestati con l’accusa di truffa aggravata. Nel corso degli accertamenti i militari hanno anche scoperto che l’uomo era evaso dagli arresti domiciliari, dove era detenuto per altra causa. Per questo motivo gli è stato contestato anche il reato di evasione. La merce è stata recuperata e restituita alle società truffate, mentre i due sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della caserma in attesa di essere giudicati con il rito direttissimo. RedCro