Il problema dei parchi resta in cima alla lista delle cose da risolvere con estrema urgenza a Tivoli, a dire il vero molto più per i cittadini che per gli amministratori. A preoccupare maggiormente sono le condizioni in cui versa il giardino Arcobaleno che si trova nel quartiere di Tivoli Terme, a due passi precisi precisi dalla centralissima piazza Bartolomeo della Queva. Una questione non di poco conto per le famiglie, che si ritrovano nella impossibilità di passare qualche ora all’aria aperta in sicurezza, viste le condizioni in cui versa il piccolo polmone verde cittadino. Una situazione figlia anche della scarsa cura degli stessi abitanti e dell’inciviltà, che unita a forze e risorse messe a disposizione con il contagocce ha dato vita ad un vero e proprio problema sociale. L’appello per trovare volontari disposti a prendere in mano sacchi della spazzatura e rastrello è partito via Facebook negli scorsi giorni, trovando da subito adesioni spontanee. Un primo passo, come dicono gli stessi promotori dell’iniziativa, che dovrebbe essere accompagnato da una serie di azioni concrete, su tutte quella di mettere a disposizione un presidio fisso per impedire di mandare in malora il lavoro fatto in una manciata di settimane e gli sforzi di una comunità che continua a lavorare senza sosta.